Il Cinquecento a Firenze. “Maniera moderna” e controriforma.

Angela Merkel’s German coalition crisis greatly exaggerated.
5 dicembre 2017
Joni Mitchell – If I Had A Heart-
5 dicembre 2017

Il Cinquecento a Firenze. “Maniera moderna” e controriforma.

Catalogo della mostra: Firenze, Palazzo Strozzi, 21 settembre 2017 – 21 gennaio 2018

a cura di Carlo Falciani e Antonio Natali.

 

Saggi di Cristina Acidini, Philippe Costamagna, Elizabeth Cropper, Carlo Falciani, Antonella Fenech Kroke, Alessandra Giannotti, Philippe Morel, Tommaso Mozzati, Antonio Natali, Massimiliano Rossi, Ludovica Sebregondi

schede di Cristina Acidini, Grazia Badino, Andrea Baldinotti, Nadia Bastogi, Giorgio Bonsanti, Marco Campigli, Elena Capretti, Philippe Costamagna, Francesca de Luca, Carlo Falciani, Antonella Fenech Kroke, Cristina Gelli, Antonio Geremicca, Alessandra Giovannetti, Sefy Hendler, Philippe Morel, Antonio Natali, Marta Onali, Donatella Pegazzano, Claudio Pizzorusso, Marta Privitera, Roberto Marvin Wellman, Dimitrios Zikos, Michela Zurla

Il catalogo documenta la straordinaria mostra dedicata all’arte del Cinquecento a Firenze, quella fortunata stagione dell’arte italiana che Giorgio Vasari battezzò ‘maniera moderna’. Si tratta dell’ultimo atto di una trilogia iniziata con Bronzino nel 2010, Pontormo e Rosso Fiorentino nel 2014, esposizioni di grande valore e impatto, che sono state visitate da migliaia di persone. Il volume propone il percorso espositivo che celebra un’intera epoca culturale e creativa di eccezione, segnata dalla Controriforma del Concilio di Trento e dalla figura di Francesco I de’ Medici, geniale mecenate di livello europeo.
In esposizione questa volta, oltre settanta opere di artisti come Michelangelo, Andrea del Sarto, Bronzino, Giorgio Vasari, Rosso Fiorentino, Pontormo, Santi di Tito, Giambologna e Bartolomeo Ammannati. Opere che non sono mai state messe in relazione tra loro prima d’ora in modo così stretto e puntuale, in modo da dare un’immagine complessiva del periodo.
Oltre alle splendide immagini delle opere, i saggi dei maggiori esperti del periodo storico artistico rendono il volume un’imprescindibile testimonianza di valore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *