Lorenzo Milani, gli anni del privilegio.

Il naufragio nel tempo della sua irriproducibilità sacrale: introduzione alla mostra di Damien Hirst.
5 dicembre 2017
Germany warns US against recognizing Jerusalem as Israel’s capital.
6 dicembre 2017

Lorenzo Milani, gli anni del privilegio.

 

Straordinario spettacolo di Alessandro Calonaci, DOMENICA 10 DICEMBRE (ORE 18)

SIENA – SpazioSiena ospita, domenica 10 dicembre (ore 18), Alessandro Calonaci in una interpretazione di grande successo (ha aperto la seconda parte del festival di Spoleto) dedicata a un Don Milani sconosciuto, quello degli “anni del privilegio”. Li definisce così il giornalista Fabrizio Borghini nel titolo del libro-inchiesta dedicato a una delle figure più conosciute nel campo di quell’impegno religioso e sociale, da cui è tratto il monologo di Calonaci. Si tratta di uno spettacolo denso di pathos che ricostruisce la vita, diciamo così, della presa di coscienza di un Lorenzo Milano che, da bambino e poi da ragazzo, ha vissuto in un contesto agiato e borghese. Calonaci interpreta in maniera coinvolgente passaggi fondamentali, come i soggiorni a Castiglioncello negli anni ‘30, località balneare frequentata da grandi artisti, amici della famiglia Milani, esempio delle stridenti contraddizioni sociali dell’epoca. Un colpo di scena chiude uno spettacolo dal grande valore: consente di capire perché Don Lorenzo abbia scelto di “stare dall’altra parte della barricata”, ponendosi a servizio degli “ultimi”. Il riferimento è un libro che ricostruisce, attraverso una serie di interviste quasi interamente inedite, i primi venti anni di vita del priore di Barbiana. Si tratta del famoso periodo passato “nelle tenebre dell’errore” – come lo definì lo stesso don Milani – sul quale fino ad oggi le ricerche erano state frammentarie. “Lorenzo Milani, gli anni del privilegio” è stato un caso editoriale Toscana: a suo tempo, secondo solo a “Inferno” di Dan Brown, poi oggetto di varie ristampe. La trasposizione scenica e l’interpretazione di Alessandro Calonaci ci consente di capire le successive scelte del giovane Lorenzo che, cresciuto in un’agiata famiglia dell’alta borghesia fiorentina, decise di abbandonare la sua classe d’origine per abbracciare i poveri.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *