Il Pil del mondo cresce ma non è tutto oro.
24 gennaio 2018
Conto Alla Rovescia (Pierluigi Piccini) 22-01-2018.
24 gennaio 2018

Professione pericolo.

 

Aqualcuno parrà strano, ma vorremmo spezzare una lancia, ovviamente etrusca, per Maria Elena Boschi: qualcuno, per favore, le dica dove sarà candidata perché questo gioco dell ‘ oca ( absit iniuria verbis ) fra la natia Toscana e la Basilicata, le Marche e la Lombardia, la Campania e il Lazio, la Sardegna e il Trentino Alto Adige rischia di umiliarla. È vero che i collegi blindati sono pochi e tutti li vogliono dunque nessuno la vuole. Però insomma, un po ‘ di rispetto non guasterebbe: è la Madre Ricostituente della Terza Repubblica, mica un pacco postale. Nelle ultime settimane, dopo i figuroni in Commissione banche, le cronache la sballottano tra Arezzo (dove non può più metter piede nemmeno col burqa), Firenze e Lucca, la catapultano chissà perché fra Pomigliano d ‘ Arco ed Ercolano (Pompei no), la rimbalzano come una pallina da flipper dal Frusinate ad Ascoli Piceno, la palleggiano da Matera a Potenza, la destinano fra le brume brianzole e poi fra i nuraghe sardi, infine la paracadutano in quel di Bolzano (dove Renzi conta molto sui voti della minoranza tedesca che, parlando poco l ‘ italiano, potrebbe non capire bene cosa dice). E lei ogni volta, secchiona com ‘ è, si mette lì, curva sul suo desco a studiare gli usi e costumi locali, ma soprattutto i dialetti e gli accenti per sintonizzarsi con gli eventuali elettori. Ora se non le cambiano ancora destinazione, dovrà equipaggiarsi alla tirolese, divisa in panno verde, berretto con ponpon e stella alpina d ‘ or dinanza, borraccia, piccozza, scarponcini, corde e ganci da arrampicata, per guidare l ‘ ala rupestre del Giglio Magico. A prescindere dal patetico caso umano, sarebbe interessante sapere come la mette il Pd col suo Statuto, che all ‘ articolo 19 impone per i candidati al Parlamento una ” selezione a ogni livello col metodo delle primarie o… con altre forme di ampia consultazione democratica ” rispet tose di ” principi ” come ” la rappresentatività sociale, politica e territoriale dei candidati ” , la ” competenza ” e ” la pubblicità della procedura di selezione ” . Ora la Boschi è certamente competente su almeno una materia: le interferenze per salvare banca Etruria (non a caso finita in bancarotta). Invece non risulta alcuna ” pubblicità della procedura di selezione ” del suo nome in Trentino Alto Adige. E neppure una sua ” rappresentatività t er r it or i al e ” in loco, a parte la celebre gita turistica a Madonna di Campiglio spacciata per ” missione istituzionale ” . Se però i suddetti principi, in un partito che si chiama democratico, sono traducibili in un semplice ” decide tutto Renzi, fatevi i cazzi vostri ” , va benissimo così. Ciò che invece ci preoccupa, oltreché della Boschi, è la sorte di Emma Bonino. Brillantemente aggirato l ‘ obbligo di raccogliere le firme per presentare la lista +Europa grazie all ‘ annessione di Tabacci, ora deve risolvere un altro problema ancor più seccante: come aggirare l ‘ obbligo di raccogliere voti per essere eletta. Che poi è lo stesso rovello che affligge la Boschi, ma con una complicazione. La Boschi è candidata nel Pd, partito che – se non scende ancora – lo sbarramento del 3% dovrebbe proprio superarlo: quindi, se non passa nell ‘ unino minale, avrà fino a 5 paracadute nelle liste bloccate del proporzionale. Invece, nei sondaggi, la lista +Europa è ben sotto il 3%: nel proporzionale non eleggerebbe nessuno e la Bonino avrebbe un colpo solo da sparare, nel maggioritario e senza paracadute. Perciò, stando ai bene informati, avrebbe chiesto al Pd un collegio blindato per sé e qualcun altro per i fedelissimi, onde evitare di restare a casa (sarebbe la prima volta da 42 anni, dopo 8 legislature in Italia e 3 in Europa). Il guaio è che i collegi sicuri del Pd sono tutti sull ‘ appennino tosco- emiliano: il Nord è tutto forzaleghista e il Lazio e il Sud sono a maggioranza M5S. E nelle due regioni rosse c ‘ è la ressa di chi ama vincere facile. Ora, che ad aprirsi il doppio paracadute (collegio blindato e proporzionale) siano partiti che non hanno votato questa lurida legge elettorale, passi. Ma che siano pure quelli che l ‘ h a nno votato e addirittura scritto, come il Pd e i suoi derivati, è davvero bizzarro. Ma come, Renzi non aveva assicurato il 20 ottobre che ” col Rosatellum i cittadini potranno scegliere il proprio deputato e il proprio senatore perché ci sarà una scheda in cui si sa chi si elegge? ” . Ed Ettore Rosato, autore del capolavoro, non aveva spiegato il 10 ottobre che ” bisogna ridare fiducia agli elettori che sapranno scegliere fra le persone serie e i p o p ul i s t i ” ? E allora tranquilli, compagni: anziché scervellarvi per trovare un paracadute a tutti, abbiate fiducia negli elettori e vedrete che tutto andrà per il meglio. I radicali, poi, si battono da sempre per il maggioritario secco all ‘ inglese: un eletto per collegio e tutti gli altri a casa, vinca il migliore. ” Noi radicali – d i c h i a r a v a l a B o n i n o i l 20.7.2009 – siamo sostenitori del bipartitismo fondato sui collegi uninominali ” . E il 3.10.2011 tuonava contro i sistemi elettorali che fanno scegliere i candidati ” al potere oligarchico dei segretari di partito. Il collegio uninominale secco o a due turni è l ‘ unica strada. I collegi dovrebbero essere come in Inghilterra di 85 mila elettori, per consentire un rapporto tra gli elettori e l ‘ eletto ” . Giusto: il bello dell ‘ uninominale è il rischio, lo scontro diretto, spericolato, acrobatico, senza rete. Perciò non crediamo alle malelingue che vogliono la Bonino in fila col numeretto per un collegio blindato lontano da casa. Anzi siamo certi che, per coerenza con le grandi battaglie radicali, non accetterà né la Toscana né l’Emilia come una Boschi qualsiasi. Essendo di Bra, si candiderà senz ‘ altro a Cuneo, ” come in Inghilterra ” , senza farsi paracadutare dal ” pot ere oligarchico dei segretari di partito ” . O no?
Il Fatto Quotidiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *