Manifattura Tabacchi, ecco il progetto «La bella addormentata si sveglierà».

Roma-Barcellona 3-0, l’«impresa impossibile» realizzata da Dzeko, De Rossi e Manolas.
11 aprile 2018
Mps accantona 18 milioni per “liquidare” i manager.
11 aprile 2018

Manifattura Tabacchi, ecco il progetto «La bella addormentata si sveglierà».

I laboratori del Polimoda a ottobre, poi un nuovo quartiere: «Possiamo finire in tre anni»

Marzio Fatucchi

 

Subito il Polimoda, con mille metri quadri di laboratori per gli studenti. Ma subito via anche la recinzione, resterà solo l’ingresso monumentale. Il progetto per la Manifattura Tabacchi è pronto, i due soci (Cassa depositi e prestiti e Pw Real Estate III LP, di Aermont) si dichiarano «pronti a finire tutto in tre anni», perché gli oltre 200 milioni necessari ci sono. Anche se, avverte Giovanni Manfredi di Aeromont, «bisognerà capire come risponde la città». Perché l’operazione Manifattura vuole partire da chi vive e lavora a Firenze. Da un mercato ma anche dagli artigiani, dagli studenti del Polimoda e da artisti, per passare al social housing ed alle residenze per l’università, fino ad un birrificio e ad una piazza coperta (quella del mercato agricolo). L’area, chiusa dal 2001 ed aperta solo per rare occasioni, è di 6 ettari nella «ricucitura tra la periferia e il centro», spiega Dario Nardella illustrando il progetto realizzato dagli architetti olandesi di Concrete. Che sono partiti da una domanda: «Di cosa c’è bisogno per svegliare questa bella addormentata? Di riportare vita». E quindi si partirà con il Polimoda, a ottobre (definitamente ci sarà nel 2019) per passare poi a tutti gli interventi previsti in quell’area da sei ettari e 100 mila metri quadri di «costruito» che verrà in gran parte recuperato. Solo tre capannoni, sul lato del Mugnone, verranno distrutti e ricostruiti. Tutto il resto sarà restaurato, con interventi a basso consumo di energia. Nella piazza coperta, oltre al mercato, ci saranno caffè, punti ristoro, piccoli negozi e aree per eventi e mostre; ai piani superiori sorgeranno ambienti per il co-working, spiegano Erikjan Vermeulen e Rob Wagemans di Concrete. La trasformazione, che verrà presentata alla città il 23 giugno con un «open day», verrà seguita da Aermont e Cdp, che — spiega Salvatore Sardo, Ad di Cassa Depositi e Prestiti Immobiliare — potrà decidere se restare nella gestione successiva o uscire. «La più grande riqualificazione urbanistica della città negli ultimi 20 anni», è convinto Nardella. Con un design, funzioni e idee che sembrano appartenere alle metropoli nord europee. Ma che andranno avanti passo passo con la «reazione delle città», come ha ricordato Manfredi: il Polimoda è arrivato, arriveranno anche altri imprenditori, artigiani, artisti? Certo, potranno arrivare in tramvia, dato che la linea 4, dall’ex stazione Leopolda alle Piagge, passerà proprio di là. E resterà anche il teatro Puccini, che si arricchirà pure di una sala estiva esterna. Ma l’operazione, nata dal viaggio in Usa di Nardella del 2014 (lì incontrò Aermont), passa proprio dalla vitalità e dall’imprenditorialità diffusa della città. La moda sbarcherà già il 12 giugno, con una sfilata di Pitti.

 

Fonte: Corriere Fiorentino, corrierefiorentino.corriere.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *