Svolta o trappola? di Buzzi, Cremonesi, Franco.
16 maggio 2018
Commissariati.
16 maggio 2018

La bomba del contratto.

 

La bozza del “contratto” tra Movimento 5 Stelle e Lega è arrivata, tramite l’Huffington Post, a illuminare di luce sinistra la nebulosa della trattativa per il governo. L’abbiamo analizzata con Annalisa Cuzzocrea e – per quanto alcuni degli elementi siano stati rivisti e probabilmente limati – alcuni dei fondamenti suonano allarmanti. Come la dichiarata non-irreversibilità della permanenza dell’Italia nell’euro, o la creazione di un comitato “parallelo” al consiglio dei ministri formato dai rappresentanti dei due partiti cui il governo dovrebbe rendere conto periodicamente. Si evince un braccio di ferro tra leghisti e pentastellati su alcuni fronti caldi, dai migranti ai rapporti internazionali, ma evidentemente la radicalità del programma è stata in qualche misura emendata, o quantomeno le parti vi si sono ritrovate, se sia Di Maio che Salvini stasera preannunciano per la giornata di domani un possibile accordo. Finora il nodo irrisolto è stata la figura del premier. L’ipotesi che si prefigura in queste ore è che le due parti abbiano accettato – o meglio che Salvini abbia ingoiato – la soluzione della “staffetta”. Sarebbe un 5Stelle a cominciare a governare per poi lasciare il posto a un leghista. Dice Carmelo Lopapa che non necessariamente si tratterà dei due leader, ma ci sarebbe comunque l’accordo per un nome “politico” e non un tecnico. Il Quirinale osserva per ora in silenzio, ma il tempo si sta esaurendo. Chi sta davvero perdendo la pazienza sono le categorie produttive e gli ambienti economici italiani e internazionali. I timori in Europa sono forti e motivati, scrive Andrea Bonanni: “L’unica speranza che rimane al Paese, prima che i mercati finanziari emettano la loro sentenza anticipando quella europea, è che il disaccordo tra i due partiti populisti non sia solo sul nome del prossimo presidente del Consiglio, ma anche sul merito di decisioni tanto gravi, che avrebbero conseguenze devastanti”. (Raffaella Menichini)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *