Ecco perché De Mossi sta perdendo credibilità.
11 agosto 2018
Pensioni oltre 4000 euro: un taglio tra il 10 e il 20%. Le donne più penalizzate.
12 agosto 2018

Una minaccia gravissima.

 
Addio ricalcolo delle pensioni d’oro col metodo contributivo per ragioni di “equità”, ossia applicando ai nonni le regole dei nipoti. Come spiega Valentina Conte, Lega e Cinque Stelle hanno deciso di colpire gli assegni da 4 mila euro netti in su – 80 mila euro lordi all’anno – con un taglio duro e puro tra il 10 e il 20%, proporzionale all’anticipo del pensionamento rispetto a una nuova età, fissata ora dal governo del cambiamento.
Il governo sarà pure del cambiamento, ma la propaganda resta sempre uguale a se stessa. “Per i contenuti, la solita e quindi inutile solfa pubblicitaria, vista e rivista”, scrive Filippo Ceccarelli. Il presidente del Consiglio ha infatti pubblicato su Facebook un video che ricorda molto quelli che erano soliti diffondere i predecessori Berlusconi e Renzi, ma le sue parole rassicuranti non sono bastate a mettere ordine nella babele di dichiarazioni rilasciate in vista della prossima legge di bilancio. Dei 7,5 miliardi di debiti previdenziali mai pagati che insieme a 11 miliardi di Iva evasa non potranno entrare nella “pace fiscale” ci parla Gabriella Colarusso, spiegando come tra Lega e 5 Stelle la tensione sia ancora altissima.
Non meno incandescente la situazione tra Usa e Turchia dopo che Erdogan ha pubblicato sul New York Times il suo ultimatum a Trump: rinunciare ai dazi e alle altre sanzioni, o il paese potrebbe uscire dalla Nato. “La minaccia è gravissima”, commenta Federico Rampini. Dal pastore in carcere ai missili S400, i nodi tra Turchia e Stati Uniti sono tuttavia tantissimi, e ce ne parla Marco Ansaldo. “Lo stesso Sultano ha elencato i ‘disaccordi’: la richiesta, mai soddisfatta, di estradare Fethullah Gulen; e il sostegno Usa alle milizie curdo siriane del Pyd e Ypg, gruppi armati considerati terroristi in Turchia. C’è poi la vicenda clamorosa dell’acquisto dei missili S-400 dalla Russia antagonista dell’Alleanza atlantica. Per non parlare degli innumerevoli casi che nel corso degli ultimi anni hanno contrapposto Ankara a molti Paesi occidentali”.

 

Fonte: La Repubblica, www.repubblica.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *