La mia non partecipazione al voto.

Intervista a Ahed Tamimi – ‘Why is there an occupation?’
15 settembre 2018
Andare oltre il Pd.
16 settembre 2018

La mia non partecipazione al voto.

Ieri in consiglio comunale non ho partecipato al voto, cosa diversa dall’astensione. Le motivazioni che mi hanno portato a questa decisione sono rintracciabili esclusivamente sul piano amministrativo. La delibera che ci è stata sottoposta, a mio parere, era imperfetta. Cosa bisogna intendere per non perfetta? Mancava l’indicazione della spesa da sostenere e, cosa che ho chiesto, anche i capitoli che sono stati utilizzati, per far fronte a una spesa straordinaria (a chi si toglieva risorse) non prevista, ovviamente, dal bilancio in corso. Cioè avrei voluto che il consiglio comunale e quindi la città, avesse piena consapevolezza dell’atto che si andava a compiere. La decisione che ci veniva sottoposta riportava la firma, per la conformità economica del dirigente, ma votandola ci saremmo assunti una corresponsabilità che avrei voluto fosse chiara e consapevole. Per questo ho fatto mettere a verbale la seguente dichiarazione: “L’atto che ci viene sottoposto non è perfetto perché non viene indicata alcuna previsione di spesa e conseguentemente manca l’attestazione di copertura finanziaria nel bilancio corrente. Il rischio è quello di un debito fuori bilancio senza i presupposti previsti dall’art. 194 del Testo Unico degli Enti Locali”.

Comments are closed.