Come i democratici possono salvarsi

Il Monte e il bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno
12 Ottobre 2021

Come i democratici possono salvarsi

Opinionista editorialista

Normalmente il partito politico che perde un’elezione attraversa un periodo di profondo dibattito interno e vigoroso, mentre il partito vincitore abbraccia una compiaciuta certezza del proprio inevitabile dominio multigenerazionale. Nel 2021, però, i ruoli si invertono.

La diffusa convinzione che Donald Trump sia stato, in un certo senso, il vero vincitore di un’elezione che ha perso è riuscita a prevenire un dibattito repubblicano sul perché i Democratici abbiano conquistato la Casa Bianca l’anno scorso. Nel frattempo, i Democratici, nonostante il loro controllo sul Congresso e sulla presidenza, sono sempre più quelli che discutono come se fossero già nel deserto.

L’angoscia dei Democratici mi sembra uno sviluppo salutare per il liberalismo. Un problema con il pensiero emergenziale che Trump ispira ai suoi avversari – e una ragione per resistergli – è che occlude la reale comprensione delle condizioni politiche che lo hanno messo al potere, e questo potrebbe farlo di nuovo. Questo è quello che hai visto accadere ai Democratici dopo il 2016: la sensazione di essere fulminati ha mandato il centrosinistra a vagare in un labirinto di cospirazioni, un bosco infestato dove cattivi come Vladimir Putin e Mark Zuckerberg incombevano più degli elettori oscillanti che avevano figure perdute e salvatrici come Robert Mueller avrebbero dovuto distruggere il potere di Trump per loro.

Solo la sinistra del partito, la sua ala di Bernie Sanders, ha sviluppato pienamente una teoria più normale della sconfitta del 2016, cercando di comprendere gli elettori Obama-Trump nel contesto della globalizzazione e della deindustrializzazione, nonché del razzismo, del fascismo e degli sporchi trucchi putinisti. Ma questo ha creato uno squilibrio fondamentale nella conversazione del partito: con la fazione di Sanders che cercava di trascinare il partito verso la socialdemocrazia e l’establishment che si comportava come se le sue principali sfide fossero i robot russi e i nefasti meme di Facebook, non era rimasto quasi nessuno a indicare i modi che i Democratici potrebbero essere in pericolo di spostarsi troppo a sinistra – e gli scrittori che lo hanno fatto sono stati generalmente liquidati come dinosauri.

Quindi spettava agli elettori democratici esercitare una spinta verso destra sul loro partito, prima salvando il partito dal probabile disastro della nomina della candidata dell’intellighenzia, Elizabeth Warren, e infine proponendo un candidato, Joe Biden, la cui lunga carriera come moderato gli ha dato una certa distanza dal “Grande Risveglio” che ha travolto le istituzioni liberali nel 2020.

Ora, tuttavia, con la crescente consapevolezza che il Bidenismo probabilmente non è una strategia a lungo termine, stiamo finalmente ottenendo l’argomento più completo che sarebbe dovuto scoppiare dopo il 2016 – su ciò che i Democratici possono fare, e se possono fare qualcosa, per conquistare gli elettori della classe operaia e delle campagne alienati dalle prove di cartina di tornasole progressiste sempre più rigorose del partito.

Un attore chiave in questo argomento è il sondaggista e analista David Shor, che il mio collega Ezra Klein ha intervistato per un lungo saggio la scorsa settimana, e che è emerso – dopo una temporanea cancellazione del 2020 – come il principale portavoce della critica pragmatica liberale dello zelo progressista .

Questa critica inizia con una diagnosi: i Democratici hanno frainteso il significato della vittoria di Barack Obama nel 2012, immaginando che dimostrasse che la loro coalizione multirazziale avrebbe potuto vincere senza elettori bianchi rurali e di basso livello, quando in realtà Obama aveva battuto Mitt Romney proprio a causa del suo sostegno relativamente resiliente da quei dati demografici, specialmente nel Midwest industriale. E questa lettura errata è stata particolarmente disastrosa perché questi elettori hanno un’influenza smisurata nelle gare del Senato e nel Collegio Elettorale, quindi perderli – e poi iniziare a perdere anche elettori di minoranza culturalmente conservatrici – ha lasciato i Democratici con uno svantaggio strutturale che costerà loro caro in tutto il mondo. il decennio successivo assenti una sorta di chiaro aggiustamento strategico.

Da questa diagnosi deriva la prescrizione, il cosiddetto popolarismo, così glossata da Klein: “I democratici dovrebbero fare molti sondaggi per capire quali delle loro opinioni sono popolari e quali no, e poi dovrebbero parlare delle cose popolari e taci sulle cose impopolari”.

Noterai che questa saggezza apparentemente banale non è una cartina di tornasole ideologica: dove le idee di sinistra sono popolari, Shor Thought farebbe parlare di più i Democratici. Ma dove sono impopolari, specialmente con il tipo di elettori che detengono la chiave per le gare contestate al Senato, i Democratici hanno bisogno di un modo per disinnescarli o tenerli a distanza.

Quindi un candidato “popolare” potrebbe essere un centrista completo in alcuni casi, e in altri un candidato che si comporta come ha fatto Bernie Sanders nel 2016, sottolineando le idee più popolari nel kit di strumenti socialdemocratici. Ma in entrambi i casi tali candidati farebbero tutto ciò che è in loro potere per non essere associati a idee come, ad esempio, l’abolizione della polizia o la sospensione dell’applicazione dell’immigrazione. Invece imiterebbero il modo in cui lo stesso Obama, nel suo primo mandato, ha cercato di affinare questioni come l’immigrazione e il matrimonio tra persone dello stesso sesso, a volte usando una retorica oggettivamente conservatrice e senza mai anticipare l’opinione pubblica.

Il che è più facile a dirsi che a farsi. Per prima cosa, gli attivisti del Partito Democratico hanno una diversa scala di potere nel mondo del 2021 rispetto al mondo del 2011, e l’ipotetico politico “popolarista” non può far sparire la loro influenza e le loro aspettative. Per un altro, come il mio collega Nate Cohn sottolinea , Obama nel 2011 è stato cercando di mantenere gli elettori della classe operaia bianca nella piega democratica, mentre il politico populista nel 2022 o 2024 sarebbe cercare di vincerli indietro dal GOP – una molto più difficile cosa da ottenere semplicemente pedalando a bassa voce problemi fastidiosi.

Per lo meno una strategia democratica in questo senso avrebbe probabilmente bisogno di andare oltre su due dimensioni. In primo luogo, dovrebbe attaccare apertamente il nuovo progressismo, non su tutti i fronti, ma su alcuni punti in cui il linguaggio e le idee del clero progressista sono particolarmente alienati dalla vita ordinaria.

Ad esempio, i Democratici popolari non eviteranno semplicemente un termine come “Latinx”, che è onnipresente nel discorso progressista ufficiale ed estraneo alla maggior parte degli ispanici statunitensi; avrebbero bisogno di attaccare e persino deriderne l’uso. (Ovviamente questo è un po’ più facile per il candidato popolarista ideale: un politico di minoranza non risvegliato nello stile di Eric Adams.)

Allo stesso modo, un candidato popolarista – idealmente una candidata donna – sul ceppo in uno stato di oscillazione potrebbe dire qualcosa del tipo: voglio che questa sia una festa per persone normali, e le persone normali dicono madre, non “persona che partorisce”.

Invece di ridurre l’importanza del gergo progressista, l’obiettivo sarebbe quello di aumentare la sua rilevanza per essere visto come rifiutarlo – proprio come Donald Trump nel 2016 ha sfacciatamente rifiutato le posizioni impopolari del GOP sui diritti che altri rivali repubblicani stavano semplicemente cercando di minimizzare .

Ma poi, insieme a questo fuoco retorico diretto a sinistra, i popolari dovrebbero anche andare oltre nell’affrontare le reali preoccupazioni politiche che circondano i problemi che stanno cercando di disinnescare. L’immigrazione è un grave problema politico per i Democratici in questo momento, ad esempio, non solo perché i loro attivisti hanno preso posizioni estreme sulla questione, ma perché il confine è un grave problema politico: gli effetti dei viaggi e delle comunicazioni globalizzati rendono sempre più facile per improvvisi le ondate migratorie per sopraffare il sistema, e l’allontanamento del liberalismo da un’applicazione rigorosa – o almeno il suo dichiarato desiderio di fare quel cambiamento – crea ulteriori incentivi affinché tali ondate avvengano sotto i presidenti democratici.

Quindi, a lungo termine, specialmente visti i probabili effetti del cambiamento climatico sulla migrazione di massa, non c’è modo per i Democratici di avere una politica stabile che sia a favore dell’immigrazione secondo la legge senza prima avere una strategia per rendere il confine americano molto più sicuro di quanto non sia stato. sotto l’amministrazione Biden fino ad oggi. Come farlo in modo umano è una sfida politica, ma se vuoi davvero corteggiare gli elettori per i quali il problema è importante, devi prendere sul serio la sfida, perché il problema si rende saliente e non sta andando via.

Vale la pena notare che anche questa combinazione – attaccare l’eccesso progressista, mostrare agli elettori Obama-Trump che prendi sul serio i loro problemi – è ancora in qualche modo difensiva. Come osserva Cohn, quando Trump ha riorientato il Partito Repubblicano per ottenere più voti della classe operaia, ha sostenuto che sarebbe stato migliore di Hillary Clinton per i loro interessi e i loro valori. I democratici hanno idee specifiche che hanno un buon riscontro con questi elettori, ma non è chiaro se anche un messaggio radicale di “revival del cuore” potrebbe effettivamente invertire il cambiamento post-Trump.

Ma anche una strategia strettamente difensiva, che impedisca a un maggior numero di elettori ispanici di passare ai repubblicani e trattiene alcuni dei modesti guadagni di Rust Belt di Biden , acquisterebbe tempo cruciale per i democratici – tempo per un ricambio generazionale che ancora li favorisce, e tempo per cogliere le opportunità che vengono sempre offerte, in modi che nessun data scientist può prevedere, da eventi imprevisti.

https://www.nytimes.com/

Lascia un commento