Il prossimo stress test di Draghi: vendere la banca più antica del mondo

Orrore in Etiopia: il massacro si vede nel fiume con la corrente piena di cadaveri
6 Agosto 2021

Il prossimo stress test di Draghi: vendere la banca più antica del mondo

Image taken from the web (if the publication violates any copyright, we ask you to notify us and we will immediately remove it)

Il primo ministro italiano Mario Draghi sta affrontando il caldo – anche all’interno dei ranghi della sua stessa coalizione di governo – per la vendita del Monte dei Paschi di Siena, la più antica banca sopravvissuta al mondo.

Il prestatore toscano di 550 anni è attualmente sotto il controllo del governo dopo un salvataggio statale nel 2017 e sono scoppiate polemiche politiche sui termini della sua vendita al settore privato. I critici temono che Draghi faccia un accordo ottimo per il colosso bancario Unicredit, che dovrebbe acquistare il Monte dei Paschi, ma non così buono per i contribuenti italiani, che finiranno per sostenere il costo delle sofferenze e delle perdite che avranno essere svincolato per addolcire l’affare.

“Questo è il momento sbagliato per vendere”, ha detto Carla Ruocco, deputata del Movimento 5 Stelle anti-establishment, che presiede la commissione parlamentare italiana sul sistema bancario. “Se vendi un bene entro una scadenza e hai un solo acquirente interessato, indovina chi sta dettando le condizioni?”

All’interno della coalizione di Draghi, sia il Movimento 5 Stelle che la Lega di estrema destra stanno contestando l’accordo. Dal campo dell’opposizione, le critiche sono arrivate dalla destra di Fratelli d’Italia, che secondo i sondaggi è ora uno dei tre maggiori partiti italiani .

Come ex capo della Banca centrale europea, Draghi probabilmente si sentirà a suo agio con una rissa su complesse questioni finanziarie durante l’estate e l’autunno. Ma ha ancora bisogno di procedere con cautela.

Per oltre mezzo millennio, il Monte dei Paschi è sopravvissuto alle sanguinose guerre tra Siena e Firenze e ha prestato denaro alle famiglie reali di tutta Europa. Ma più di recente ha avuto un’emorragia. Nel 2017, il governo italiano ha dovuto salvarlo con un’iniezione di capitale di 5,4 miliardi di euro, dopo la quale il Tesoro è diventato il principale azionista della banca. Bruxelles ha detto sì al piano di salvataggio, ma ha chiesto alla Roma di uscire dal Monte dei Paschi dopo cinque anni.

Mancano ormai pochi mesi alla scadenza della fine del 2021 e il Tesoro ha trovato un potenziale acquirente. Ma gli alleati di Draghi vedono le cose in modo molto diverso.

Proprio come i suoi alleati della Lega di Matteo Salvini e Forza Italia di centrodestra di Silvio Berlusconi, Ruocco dei 5Stelle crede che Roma dovrebbe rinegoziare con Bruxelles per un’estensione della scadenza e cercare altre soluzioni, come mantenere il controllo pubblico.

“Lo stato dovrebbe tendere ad essere un attore nel sistema bancario e non essere uno stato che effettua riparazioni e poi esce di scena nel momento sbagliato”, ha affermato Ruocco.

Tenere fermo

Il governo Draghi non ha intenzione di rinunciare alle promesse fatte alla Commissione europea.

La vendita di azioni pubbliche entro la fine dell’anno e la fusione con un’altra banca è la soluzione migliore “per l’interesse generale”, ha detto mercoledì il ministro delle Finanze Daniele Franco ai legislatori in un’accesa udienza serale. Non ha però escluso che, per effetto dell’operazione, lo Stato detenga alcune azioni dell’acquirente del Monte dei Paschi, Unicredit.

La banca toscana si è comportata molto male la scorsa settimana nel cosiddetto ” stress test ” dell’Autorità bancaria europea che ha rivelato che l’intero capitale della banca sarebbe stato spazzato via da un ipotetico forte shock economico. Ma i legislatori che si oppongono all’accordo insistono sul fatto che la banca è sulla strada giusta poiché le sue entrate sono in costante aumento, come documentato nell’ultimo rapporto della banca pubblicato giovedì.

Secondo il legislatore della Lega Giulio Centemero, la progressiva ripresa della banca è un motivo in più per non vendere subito ad Unicredit e per negoziare con Bruxelles. “La fretta è un cattivo consigliere”, come diceva lui, parafrasando un proverbio italiano.

Essendo alleati di Draghi, Lega e 5Stelle hanno dovuto vigilare sui loro toni ed esprimere diplomaticamente il loro dissenso. Non è così per l’unico grande partito di opposizione del Paese, i Fratelli d’Italia, che accusa apertamente Draghi di aver ingaggiato una “svendita” della banca a Unicredit, piuttosto che una “vendita” a condizioni di mercato.

Il ministro delle Finanze Franco ha confermato che Unicredit acquisterà solo il core business del Monte dei Paschi e lascerà all’azionista pubblico sofferenze e altre perdite per miliardi di euro. Il piano di ristrutturazione della banca potrebbe comportare più di 2.500 licenziamenti, ha aggiunto Franco.

Porte girevoli

Le critiche su un possibile accordo con Unicredit sono strettamente legate anche alla politica regionale e al coinvolgimento del Pd di centrosinistra, anch’esso parte della coalizione Draghi.

Per decenni il destino della banca è stato strettamente legato all’amministrazione locale di Siena, che è stata governata da partiti di centrosinistra fino al 2018. La decisione di salvare la banca nel 2017 è stata presa dall’allora ministro delle Finanze Pier Carlo Padoan del Partito Democratico Partito, che ora è presidente di Unicredit.

Giorgia Meloni , leader di Fratelli d’Italia, ha affermato che la trattativa con Unicredit “è solo l’ennesima conferma del vergognoso modus operandi della sinistra italiana che usa lo Stato per opache manovre finanziarie e per il proprio tornaconto politico e personale”.

Ha aggiunto che “i conflitti di interesse tra Pd e finanza sono dannosi per le banche e fatali per i contribuenti, come hanno dimostrato gli eventi degli ultimi anni”.

Dopo il suo mandato ministeriale, Padoan fu eletto al parlamento italiano in una circoscrizione senese Ma nel 2020 ha lasciato la politica per diventare presidente di Unicredit. Il presidente del Pd, Enrico Letta, ora corre per conquistare il seggio parlamentare lasciato da Padoan e ha promesso di esprimere una “genuina autocritica” su come il suo partito ha gestito la banca senese. In autunno ci saranno le elezioni suppletive.

Il fatto che Padoan sia stato coinvolto nel salvataggio del Monte dei Paschi prima come ministro e poi come banchiere è “inappropriato”, concordano il Ruocco dei 5Stelle e il Centemero della Lega. “La candidatura di Letta porta un’ulteriore pressione che rovina la trattativa”, ha detto Centemero.

Secondo Lorenzo Castellani, professore e analista politico alla Luiss di Roma, le discussioni sul futuro del Monte dei Paschi hanno riacceso le tensioni all’interno della coalizione di governo di Draghi.

L’accordo “ha messo il Partito Democratico nella linea di tiro dei suoi alleati”, ha detto. Ma ha predetto che l’astuto ex banchiere centrale avrebbe “mostrato forza” e avrebbe convinto i legislatori che non c’è alternativa.

 

https://www.politico.eu/

Lascia un commento