Il record anti-LGBTQ+ della Polonia oscura la vittoria olimpica

Lotta feroce tra islamisti del West Africa Province e quelli del Greater Sahara
2 Agosto 2021
Mps, tutti contro. Lega all’attacco
2 Agosto 2021

Il record anti-LGBTQ+ della Polonia oscura la vittoria olimpica

Image taken from the web (if the publication violates any copyright, we ask you to notify us and we will immediately remove it)

VARSAVIA — Il presidente della Polonia Andrzej Duda di solito è pronto a congratularsi con qualsiasi successo atletico polacco, ma è stato insolitamente lento dopo che le rematrici hanno vinto la prima medaglia del paese ai Giochi Olimpici di Tokyo, un argento, mercoledì.

Ci è voluto un giorno di crescente pressione da parte dei media polacchi e dell’opposizione politica prima che Duda si congratulasse con la squadra polacca. Ci sono state domande sul fatto che la sua reticenza sia stata dettata da una delle quattro vogatrici, Katarzyna Zillmann, che si è dichiarata lesbica. Duda ha lanciato una campagna contro quella che ha chiamato “ideologia LGBT” durante la campagna elettorale dello scorso anno nel tentativo di fare appello agli elettori tradizionalisti.

Durante un emozionato un’intervista per la televisione TVP controllata dallo Stato il Mercoledì, Zillmann inviato grazie alla sua amica.

Duda ha twittato giovedì sera che sostiene “TUTTI i nostri olimpionici … rispetto TUTTI quelli che si allenano duramente per rappresentare la Polonia”.

Sebbene i membri della coalizione di destra al governo guidata dal partito nazionalista Legge e Giustizia si siano impegnati in attacchi verbali contro le persone LGBTQ+, il primo ministro Mateusz Morawiecki si è congratulato con i “favolosi” canottieri polacchi in un post su Facebook il giorno dopo la loro vittoria.

La Polonia è uno dei paesi meno gay-tolleranti dell’UE, secondo quest’anno “Rainbow Europe” classifica da ILGA-Europe, una diritti LGBT Ong con sede a Bruxelles.

Varsavia si è scontrata con l’UE su una serie di risoluzioni dei governi locali che si dichiarano “zone libere dall’ideologia LGBT”, il che ha messo in pericolo alcune forme di finanziamento dell’UE. La Commissione europea ha avviato un procedimento legale all’inizio di questo mese contro la Polonia per la sua “mancanza di cooperazione” su una richiesta di informazioni più dettagliate sulle risoluzioni.

Il Parlamento europeo all’inizio di quest’anno ha dichiarato l’intera UE “LGBTIQ Freedom Zone”.

 

 

https://www.politico.eu/

 

 

Lascia un commento