Le startup europee sono in forte espansione. Allora perché Bruxelles è ancora ossessionata dalla Big Tech?

Il Marocco vuole dialogo con l’Algeria (dal 1994 interrotto) e rafforza il blocco di Ceuta
4 Agosto 2021
Mps sotto la lente di 30 manager Unicredit
4 Agosto 2021

Le startup europee sono in forte espansione. Allora perché Bruxelles è ancora ossessionata dalla Big Tech?

È un anno eccezionale per le startup europee, ma non si capiva dalla conversazione a Bruxelles.

Lunedì, l’azienda estone Bolt ha messo le mani su 600 milioni di euro per lanciare un nuovo servizio di consegna di generi alimentari. I funzionari a Bruxelles, tuttavia, si sono concentrati sull’indagine della Commissione europea sulla prevista acquisizione di Kustomer da parte di Facebook .

Fa parte di uno schema. I nuovi arrivati ​​del continente stanno raccogliendo più denaro a un ritmo senza precedenti e stanno emergendo come attori dominanti in settori ultra-competitivi come i servizi finanziari e la tecnologia verde. Ma l’incessante attenzione di Bruxelles per domare la Big Tech statunitense, insieme alla mancanza di esperienza degli imprenditori europei a Bruxelles, potrebbe lasciare le startup europee alla deriva.

I migliori dirigenti digitali del blocco, tra cui il vicepresidente esecutivo Margrethe Vestager e il commissario per il mercato interno Thierry Breton, stanno raddoppiando la loro battaglia contro la Big Tech statunitense e incontrano CEO di successo come Pat Gelsinger di Intel , ma non hanno quasi mai incontrato capi europei, quindi -chiamati unicorni – startup del valore di oltre $ 1 miliardo – quest’anno, secondo i loro programmi ufficiali.

‘Fissazione’

Gli esperti affermano che l’attenzione a tenere a freno gli eccessi delle più grandi aziende, per lo più americane, sta togliendo il bene che i responsabili politici e le autorità di regolamentazione possono fare per l’industria europea.

Anche Mariya Gabriel, commissaria per l’innovazione e accanita sostenitrice delle startup, ha chiesto la fine della “fissazione” dell’Europa con la Silicon Valley .

La ricerca per creare un Google europeo “è persa”, ha detto a POLITICO a giugno. “Non dobbiamo perdere tempo perché non creeremo un Google o Facebook europeo. Siamo molto realistici al riguardo”.

Non è l’unica a dirlo. Gli investitori sono ansiosi di sostenere l’affermazione che le startup europee possono vincere una battaglia, se scelgono quella giusta.

Quest’anno le aziende europee hanno ricevuto ben 48 miliardi di euro di investimenti, quasi tre volte di più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. L’Europa ha rappresentato il 18% del finanziamento globale totale per le startup, la sua quota più grande di sempre.

“L’Europa è diventata una delle regioni più interessanti in cui i fondi statunitensi possono entrare e investire”, ha affermato Firat Ileri, partner di Hummingbird Ventures, uno dei primi sostenitori del gigante britannico delle consegne di cibo Deliveroo .

Il servizio di streaming musicale svedese Spotify, reso pubblico nel 2018, è stato uno dei pionieri. “La gente ha iniziato a pensare: in Europa si possono portare anche startup da un miliardo a cinquanta miliardi”, ha detto Ileri. Per gli investitori, il mercato europeo è meno surriscaldato e quindi più attraente per partecipare rispetto al mercato statunitense e meno “duro” di Cina, Russia o Brasile.

Ma questo non è grazie all’UE.

Problemi sistemici, come la mancanza di armonizzazione in tutto il continente, significano che le start-up dell’UE devono spendere molte energie nell’apprendimento e nel rispetto di regole diverse, come assumere reclute extra-UE o premiare i dipendenti con stock option.

Patrick Collison, del gigante fintech Stripe, sostiene un “mercato comune più snello, meno regolamenti poco pratici e inefficaci, un migliore trattamento legale delle stock option e un accesso più facile ai visti per le persone altamente qualificate”.

Ma non è chiaro se questo abbia fatto la differenza. “La comunità delle startup dice le stesse cose da oltre 10 anni”, ha affermato Simon Schaefer, presidente di Startup Portugal. “Abbiamo sempre detto: questo è codice segnale di allerta rosso. Se non armonizziamo l’Europa, non saremo mai in grado di raggiungere gli Stati Uniti e la Cina”.

Il problema è che più tempo l’UE dedica a limitare Apple e Google, meno tempo dedica a convincere i capitali nazionali ad armonizzare le regole su lavoro, immigrazione e tassazione, il che pone un limite naturale alle startup e ai loro investitori.

“La frammentazione è sicuramente uno svantaggio ed è inaccettabile, dato che gli Stati Uniti sono avanti di anni”, ha detto Ileri.

Lista dei desideri

Le startup dell’UE hanno lottato per ottenere l’armonizzazione nell’agenda di Bruxelles. La Commissione dice che è impotente a fare qualsiasi cosa, dal momento che ha poca o nessuna voce in capitolo in questioni come la tassazione o l’immigrazione.

“Parte delle regole riguardano i casi in cui l’UE non ha competenza, come la sicurezza sociale, la legislazione sul lavoro, la tassazione, questo è solo il nome del gioco nell’Unione europea”, ha affermato un alto funzionario della Commissione. “Ma possiamo spingere gli stati dell’UE nella giusta direzione”.

Ma Schaefer, di Startup Portugal, riconosce che la sua industria non ha nemmeno spinto molto la Commissione.

“È un problema di pubbliche relazioni”, ha detto Schaefer. “Gli imprenditori devono vedere che la politica è il fattore trainante e non un onere, e dovrebbero essere coinvolti di più”.

Ileri, di Hummingbird Ventures, pensa che sia una cosa culturale. Mentre i giganti della Silicon Valley corteggiano aggressivamente i politici, “l’UE è una cultura un po’ più introversa degli Stati Uniti”

Le poche startup che fanno lobby a Bruxelles operano principalmente all’interno di organizzazioni ombrello nazionali. A maggio, hanno consegnato l’ennesima agenda politica che spingeva per schemi di stock option più attraenti o un visto di avvio paneuropeo. Il piano non è particolarmente chiaro su come farlo. Sulle stock option, la raccomandazione recitava: “Il dipartimento della Commissione per la stabilità finanziaria ei mercati dei capitali dovrebbe coordinarsi su questa attività politica”.

Potrebbe cambiare. Imprenditori di successo, come Daniel Ek di Spotify, Patrick Collison di Stripe o Sebastian Siemiatkowski di Klarna, seguono un percorso diverso, fatto di tweet e di alto profilo a Bruxelles.

I fratelli Collison, che hanno fondato la loro azienda nella Silicon Valley, stanno applicando un approccio più deciso per coinvolgere i politici europei. La società ha reclutato il suo principale lobbista in Europa, Sandro Gianella, da Google.

Ci sono stati dei progressi.

I paesi dell’UE a marzo hanno concordato lo “Standard delle nazioni di avvio”, una serie di migliori pratiche per stabilire un ambiente favorevole alle startup, con un ufficio a Lisbona incaricato di monitorare i progressi.

Con la Francia che assumerà la presidenza del Consiglio dell’UE a gennaio, il paese prevede di formare una “coalizione dei volenterosi” per un visto di avvio dell’UE .

Tuttavia, la comunità delle startup è ancora diffidente se i politici saranno in grado di tenere il passo con il boom dei finanziamenti.

“I politici non sono nativi digitali”, ha detto Schaefer.

https://www.politico.eu/

Lascia un commento