Marina Cvetaeva, Arianna, Mimesis editore/ Filosofie del teatro

I padroni della Biennale & la Biennale dei padroni
24 Novembre 2021
Vasco Rossi – Sally
24 Novembre 2021

Marina Cvetaeva, Arianna, Mimesis editore/ Filosofie del teatro

 

 

Scritta a Praga tra il 1923 e il 1924 e pubblicata nel 1927 a Parigi con il titolo di Teseo, Arianna, che doveva essere la prima parte di una trilogia dedicata al celebre eroe greco, rilegge il famoso mito del labirinto e dell’amore infelice tra Arianna e Teseo. Nell’opera di Marina Cvetaeva, il sentimento tragico dell’esistenza peculiare alla tragedia greca rispecchia, e allo stesso tempo si fonde, con il senso di disappartenenza dal mondo e con la legge del “non incontro” che tanta parte ebbero nella vita dell’autrice (da Rilke a Pasternak). Marina, che si identificava in Arianna e amava a tal punto questo personaggio da dare il suo nome alla figlia primogenita, tratteggia un’eroina appassionata e indimenticabile.

Lascia un commento