Muore mamma operaia di 23 anni in un’azienda tessile

Loggia Ungheria, Davigo sarà sentito Pm di Milano a rischio trasferimento
4 Maggio 2021
Billie Holiday-Strange fruit
4 Maggio 2021

Muore mamma operaia di 23 anni in un’azienda tessile

Aveva solo 23 anni Luana D’Orazio, morta sul lavoro in modo orribile in un’azienda tessile di Oste di Montemurlo, nel pratese. La ragazza, mamma di un bambino di cinque anni e dipendente dell’azienda di circa un anno, è rimasta impigliata nel rullo dell’orditoio, l’ingranaggio della macchina che permette di preparare la struttura verticale della tela che poi costituirà la trama del tessuto, appunto l’ordito. Luana non ha avuto nemmeno il tempo di gridare, a pochi metri di distanza c’era un suo collega girato di spalle, quando si è voltato ha dato subito l’allarme ma i soccorsi sono stati inutili.

I tecnici del dipartimento di prevenzione sul lavoro dell’Asl hanno messo i sigilli al macchinario della ditta, l’Orditura Luana, per verificare se tutti i dispositivi di sicurezza fossero attivati e se abbiano funzionato correttamente. Comunque per Cgil Cisl Uil e Filctem Femca Uiltec di Prato “non si può non rilevare che ancor oggi si muore per le stesse ragioni e allo stesso modo di cinquant’anni fa: per lo schiacciamento in un macchinario, o per la caduta da un tetto. Non sembra cambiato niente, nonostante lo sviluppo tecnologico dei macchinari e dei sistemi di sicurezza. È come se la tecnologia si arrestasse alle soglie di fabbriche e stanzoni, dove troppo spesso la sicurezza continua ad essere considerata solo un costo”. Tre mesi fa sempre nel pratese, a Montale, c’era stato un altro incidente mortale in un’azienda tessile: la vittima, un operaio soli 22 anni, era rimasto schiacciato da una pressa.

 

https://ilmanifesto.it/

Lascia un commento