Oltre tremila donne hanno chiesto aiuto ai centri antiviolenza

Sviluppo e tutela
24 Novembre 2021
No alla Babele urbanistica. Così non ne usciremo migliori
24 Novembre 2021

Oltre tremila donne hanno chiesto aiuto ai centri antiviolenza

Negli ultimi 15 anni 121 femminicidi, 41 i minori lasciati orfani sono i dati che emergono dall’Osservatorio regionale
di Ilaria Ciuti
Numeri di un allarme sociale: 121 femminicidi in Toscana in 15 anni, dal 2006 al 2020, quattro nell’ultimo anno. Donne uccise per questioni di genere, cioè perché donne, per mano di uomini violenti. I numeri presentati ieri, in vista della giornata internazionale contro la violenza sulle donne di domani, si trovano tra i fogli del 13° rapporto annuale ( 2020) dell’Osservatorio regionale sulla violenza di genere. Sono intervenute le assessore al sociale e alle pari opportunità, Serena Spinelli e Alessandra Nardini, convinte che « i dati faticosamente raccolti ci servano a capire in quale senso moltiplicare l’impegno della Regione per sostenere il suo patrimonio più importante: le donne i bambini». Perché dietro alle mamme ammazzate sono rimasti 41 orfani “speciali”, oltre ai bambini vittime essi stessi di violenza o spettatori di violenza sulle madri.
Femminicidi che difficilmente arrivano all’improvviso ma dopo una lunga scia di premesse che partono dalla violenza nelle parole, passano alle minacce e poi alle botte. Delitti che sono trasversali alle classi sociali, ai gradi di istruzione, alla condizione economica e che si consumano dentro lo stesso luogo, nella la coppia, per mano del partner o dell’ex partner: è così in 87 casi su 121.
Sono più della media nazionale, in Toscana, i femminicidi di donne anziane e straniere: le vittime over 75 negli ultimi cinque anni sono il 35,1% del totale contro il 16,7% nazionale e le straniere il 32,4% rispetto al 23,4%. Mentre se si era temuto che durante la chiusura forzata in casa della pandemia i delitti aumentassero, questo non è successo. « Né si può realmente dire che sono diminuiti perché la tabella non scende o sale linearmente e per ora nessun trend è stabile » , precisa la ricercatrice dell’ Osservatorio, Rosa Di Gioia. « Il fatto è che i femminicidi restano stabili mentre il resto degli omicidi diminuisce. È un dramma strutturale, non emergenziale, legato a una cultura patriarcale del possesso non ancora debellata per cui tu esisti solo se sei mia proprietà, Se ti sottrai e affermi la tua libertà muori » , spiega Francesca Ranaldi del Centro antiviolenza La Nara, di Prato.
In genere una morte annunciata. Solo nel 2020, sono 3.132 ( per via della chiusura forzata l’accesso diretto è sceso dal 65% degli anni precedenti al 38%) le donne che si sono rivolte a uno dei 24 centri antiviolenza con 96 punti di ascolto della Toscana perché si sentivano a rischio. Il 60% , tra i 30 e i 49 anni. Dichiarano di subire violenza psicologica ( 85%) insieme a violenza fisica ( 60,9%), o anche economica ( 27,2%), con l’aggiunta di minacce ( 21%). I Centri offrono servizi di ascolto ( usati dal 91% delle donne che sono loro rivolte), accoglienza ( 77,3%) e consulenza psicologica (52,7%), oltre a sostegno per trovare un percorso di uscita, « ora più lungo e difficoltoso dopo che la pandemia ha diminuito le assunzioni delle donne dal 48 al 43%», dicono ai Centri. I quali hanno in totale 20 case rifugio segreti. Sono arrivati a 5, invece, i Centri per uomini autori di violenza. Nel 2020 sono state assistite dai consultori 752 persone sulle sulle 3.638 che si sono presentate, di cui il 78% donne.
Quanto al ‘21, non tira buon vento. Basti ricordare la mattanza negli ultimi giorni di quattro donne e tre bambini in Italia, le prime con precedenti denunce e allontanamenti dei rispettivi assassini che dimostrano come leggi e punizioni non bastino se non ci sono protezione e prevenzione. A cominciare dall’abbattimento delle disuguaglianze e discriminazioni di genere e della cultura patriarcale che resiste. Mentre la Casa della Donna di Pisa registra tra gennaio e ottobre un record di 1.200 chiamate telefoniche come in pandemia. E dichiara che aumentano le studentesse universitarie e le donne con disabilità. Torna a crescere lo stalking. Fermare la violenza diventa il primo imperativo. Lo diranno domani anche in Consiglio regionale una sedia vuota e un paio di scarpette rosse al centro dell’aula: « Per ricordare che nessuno di noi sarà mai libero finché una donna o una ragazza non saranno libere di vivere come meglio credono» dice il presidente del Consiglio, Antonio Mazzeo.

Lascia un commento