Quello che l’America non ha capito della sua guerra più lunga

L’Ungheria una volta aveva promesso LGBTQ+, poi è intervenuto Orbán
7 Luglio 2021
«Matteo stai sereno». Renzi infilzato dai Ferragnez
7 Luglio 2021

Quello che l’America non ha capito della sua guerra più lunga

Poiché gli Stati Uniti lasciano l’Afghanistan dopo 20 anni di guerra, non c’è dubbio che abbiamo perso la guerra o, per dirla più gentilmente, non abbiamo raggiunto i nostri obiettivi. Nelle ultime settimane i talebani sono avanzati nel nord del Paese. Privi del sostegno degli Stati Uniti, secondo quanto riferito, l’esercito e la polizia afghani hanno perso più di due dozzine di distretti nel corso di un mese e ora stanno combattendo alla periferia di città chiave come Kandahar e Mazar-e-Sharif. Alti funzionari statunitensi hanno avvertito di una guerra civile, mentre si dice che i rapporti di intelligence prevedano la caduta del governo afghano – che gli Stati Uniti hanno lavorato per rafforzare per due decenni – entro un anno.

Perché abbiamo perso? Ho cercato di rispondere a questa domanda per 12 anni, a partire dal 2009, quando ero un ufficiale civile nel lontano distretto di Garmser, nella provincia di Helmand. Ho continuato a riflettere sulla questione nel 2013 e nel 2014, quando ho prestato servizio come consigliere politico del generale Joseph Dunford, comandante di tutte le forze statunitensi in Afghanistan, e in seguito come consigliere anziano di Dunford quando era presidente del Joint Chiefs of Staff. Mentre viaggiavo per il paese con alti comandanti militari statunitensi, ho visto che battaglia dopo battaglia, soldati e polizia numericamente superiori e meglio forniti venivano sconfitti da talebani con scarse risorse e guidati in modo ineccepibile – una dinamica che alla fine avrebbe condannato il governo afghano a meno che il Gli Stati Uniti sarebbero rimasti a tempo indeterminato.

Non ho trovato un’unica risposta al motivo per cui abbiamo perso la guerra. Mentre varie spiegazioni affrontano diverse parti del puzzle, quella che voglio evidenziare qui può forse essere vista più chiaramente nelle conversazioni che ho avuto con gli stessi talebani, spesso nel loro nativo pashtu. “I talebani combattono per la fede, per janat (paradiso) e ghazi (uccisione di infedeli). … L’esercito e la polizia combattono per soldi”, mi ha detto uno studioso religioso talebano di Kandahar nel 2019. “I talebani sono disposti a perdere la testa per combattere. … Come possono competere l’esercito e la polizia?”

I talebani avevano un vantaggio nell’ispirare gli afgani a combattere. Il loro appello a combattere gli occupanti stranieri, intriso di riferimenti agli insegnamenti islamici, risuonava con l’identità afghana. Per gli afgani, la jihad – intesa più accuratamente come “resistenza” o “lotta” rispetto al significato caricaturale che ha acquisito negli Stati Uniti – è stata storicamente un mezzo di difesa contro l’oppressione da parte di estranei, parte della loro resistenza contro un invasore dopo l’altro. Anche se l’Islam predica l’unità, la giustizia e la pace, i talebani sono stati in grado di legarsi alla religione e all’identità afghana in un modo che un governo alleato con occupanti stranieri non musulmani non potrebbe eguagliare.

La stessa presenza degli americani in Afghanistan ha calpestato un senso di identità afghana che incorporava l’orgoglio nazionale, una lunga storia di lotta contro gli stranieri e un impegno religioso per difendere la patria. Spinse uomini e donne a difendere il loro onore, la loro religione e la loro casa. Ha sfidato i giovani a combattere. Ha indebolito la volontà dei soldati e della polizia afgani. La capacità dei talebani di collegare la loro causa al significato stesso dell’essere afghani è stato un fattore cruciale nella sconfitta dell’America.

Questa spiegazione è stata sottovalutata dai leader e dagli esperti americani, me compreso. Credevamo che le cose fossero possibili in Afghanistan – la sconfitta dei talebani o il consentire al governo afghano di reggersi da solo – che probabilmente non lo erano. Ciò non significa necessariamente che avremmo dovuto abbandonare l’Afghanistan molto tempo fa, dato quello che sapevamo all’epoca. Significa che la strategia avrebbe potuto essere gestita meglio per evitare di spendere risorse per obiettivi che difficilmente sarebbero stati raggiunti. Si potevano spendere meno soldi. Si sarebbero potute perdere meno vite. Ma che l’America non avrebbe potuto fare molto di più che andare avanti per anni di fronte a un nemico implacabile è l’insoddisfacente, a volte frustrante, coda della nostra guerra più lunga.

Nel 2009, sono andato a Garmser per servire in una squadra di supporto distrettuale, lavorando a fianco di un battaglione di fanteria dei Marines. L’ondata del presidente Barack Obama era in corso e stavamo cercando di cacciare i talebani dalla maggior parte della provincia di Helmand. Ero speranzoso, ma anche interessato a capire perché la violenza fosse tornata dopo la calma iniziale che aveva seguito l’invasione americana del 2001. Il mio istinto, basato su studi precedenti sull’Afghanistan, incluso il classico di Sarah Chayes The Punishment of Virtue , era che il principale motore della violenza sarebbero state le rimostranze: i locali spinti a combattere dai maltrattamenti per mano del governo o dei suoi alleati signori della guerra. In effetti, ho trovato ampie prove di rimostranze: problemi di terra, poliziotti oppressivi e sfruttamento governativo del commercio del papavero.

Il Pakistan è stato anche un fattore estremamente importante per Garmser. Il paese era già noto negli ambienti governativi statunitensi per la sua riluttanza a cooperare contro i talebani, e infatti centinaia di combattenti erano venuti dal Pakistan per attaccare il distretto. Un altro motivo di violenza sono state le lotte intestine all’interno del governo, delle sue forze militari e dei suoi alleati tribali e signori della guerra, che non sono riusciti a unirsi contro la comune minaccia dei talebani.

Dopo aver lasciato Garmser, ho avuto la possibilità di vedere il paese da una prospettiva più ampia come consigliere di Dunford. Sentivo che stava succedendo qualcosa di più. Rimostranze, Pakistan e lotte intestine non potevano spiegare ogni episodio di sconfitta sul campo di battaglia. L’ondata era finita ed era tempo che il governo afghano si reggesse da solo in modo che potessimo andarcene. Ma troppo spesso la polizia ei soldati si arrendevano in battaglia. Il soldato e il poliziotto medio semplicemente non volevano combattere tanto quanto la sua controparte talebana. Di conseguenza, il governo stava perdendo terreno ai margini di ciò che avevamo riguadagnato nell’ondata. A quel tempo, le perdite erano un filo. Ma sapevamo che se avessero continuato, il governo non sarebbe stato in grado di controllare le città chiave e avrebbe rischiato di cadere. Quel rivolo di perdite alla fine sarebbe diventato il diluvio a cui stiamo assistendo oggi.

La corruzione era parte del problema. Come è noto, l’efficienza di soldati e polizia ha sofferto perché funzionari governativi o comandanti militari hanno intascato la loro paga, accumulato le loro munizioni e diluito gli elenchi con i soldati fantasma. Eppure, anche dopo aver tenuto conto della corruzione, la polizia e l’esercito erano di solito ancora numericamente superiori e meglio equipaggiati rispetto ai talebani in ogni battaglia.

Una spiegazione più forte era che la polizia ei soldati non volevano mettere a rischio le loro vite per un governo corrotto e incline a trascurarli. Tuttavia, conoscevo un certo numero di comandanti afgani che si impegnavano molto nel prendersi cura dei loro uomini. Potremmo davvero dare la colpa a leader di governo corrotti e indifferenti quando i talebani combattevano per una paga inferiore, con meno armi pesanti, cure mediche molto peggiori e leader che per anni si sono nascosti in Pakistan mentre i loro soldati combattevano? Inoltre, le forze speciali afgane – che di gran lunga hanno leader migliori dei talebani e sono squisitamente supportate – avevano ancora grandi difficoltà a combattere senza il supporto aereo e i consiglieri statunitensi.

La domanda mi assillava mentre lasciavo l’Afghanistan nell’agosto 2014. Tutti questi fattori erano chiaramente importanti, ma la loro somma ammontava a qualcosa di meno delle difficoltà che si stavano svolgendo davanti ai miei occhi.

Pochi mesi dopo essere tornato a casa, ho partecipato a una discussione al Dipartimento di Stato con Michael McKinley, l’ambasciatore degli Stati Uniti in Afghanistan. Stavamo avendo un vivace dibattito sul perché i talebani combattono quando l’ambasciatore è intervenuto. “Forse ho letto troppo Hannah Arendt”, ha detto, riferendosi alla filosofa del XX secolo che sosteneva che l’azione umana fosse stimolata da paure ed esperienze passate, “ma non credo che si tratti di soldi o lavoro. I talebani stanno combattendo per qualcosa di più grande”. McKinley ha catturato ciò che sentivo ma non avevo articolato, e ciò che lo studioso talebano mi avrebbe ripetuto cinque anni dopo.

I talebani hanno esemplificato qualcosa che li ha ispirati, qualcosa che li ha resi potenti in battaglia, qualcosa legato a cosa significasse essere afghani. Si sono presentati come rappresentanti dell’Islam e hanno chiesto resistenza all’occupazione straniera. Insieme, queste due idee hanno formato un potente mix per i comuni afgani, che tendono ad essere musulmani devoti ma non estremisti. Allineato con gli occupanti stranieri, il governo non ha raccolto simili ispirazioni. Non potrebbe convincere i suoi sostenitori, anche se fossero più numerosi dei talebani, a fare le stesse cose. Data la sua associazione con gli americani, la pretesa del governo sull’Islam è stata pesante, anche se i talebani sono stati in grado di cooptare la religiosità degli afghani al servizio della loro visione estremista. Per quanto a torto, i talebani potrebbero usare l’occupazione statunitense per differenziarsi dal governo come veri rappresentanti dell’Islam. Più afgani erano disposti a servire per conto del governo rispetto ai talebani. Ma più afgani erano disposti a uccidere ed essere uccisi per i talebani. Quel vantaggio ha fatto la differenza sul campo di battaglia.

La spiegazione è potente, ma anche pericolosa. Può essere distorto nel senso che tutti i musulmani sono decisi alla guerra o sono fanatici. Una tale interpretazione sarebbe sbagliata: l’Islam è fonte di unità e ispirazione, non di terrorismo o atrocità. Dire che un popolo ha simpatia per i propri connazionali e correligionari rispetto agli stranieri non è certo etichettare l’Islam come malvagio. Il punto è che è più difficile rischiare la vita per il paese quando si combatte a fianco di quelli che alcuni chiamano occupanti, specialmente quando non condividono la tua fede.

La spiegazione è emersa in una serie di conversazioni e corrispondenza che ho avuto nel corso degli anni con afgani, comandanti militari, leader tribali e gli stessi talebani. Il famigerato capo della polizia di Kandahar, il compianto Abdul Razziq, era rinomato per la cura dei suoi ufficiali e una sorta di autorità nella lotta ai talebani. Mi ha detto: “Il morale dei talebani è migliore del morale del governo. Il morale dei talebani è molto alto. Guarda i loro kamikaze. I talebani motivano le persone a fare cose incredibili”.

Un leader religioso talebano di Paktia ha fatto un punto simile:

Sento ogni giorno di un incidente in cui vengono uccisi la polizia oi soldati dell’esercito. … Non so se sono impegnati a combattere i talebani o meno. Molti della polizia e dei soldati sono lì solo per dollari. Sono pagati bene ma non hanno la motivazione per difendere il governo. … I talebani sono impegnati nella causa della jihad. Questa è la vittoria più grande per loro.

In modo più convincente, numerosi sondaggi sull’opinione dei talebani di Graeme Smith, Ashley Jackson, Theo Farrell, Antonio Giustozzi e altri hanno confermato che i talebani combattono in parte perché credono che sia loro dovere islamico resistere all’occupazione e sono convinti che la loro causa consentirà loro di vincere . Il sondaggio di Jackson su 50 talebani , pubblicato nel 2019, ha scoperto che descrivevano la loro decisione di unirsi al movimento “in termini di devozione religiosa e jihad, un senso di dovere personale e pubblico. A loro avviso, il jihad contro l’occupazione straniera era un obbligo religioso, assunto per difendere i loro valori”. La jihad riguardava l’identità, concluse.

Questo pensiero si estende anche ai comuni afgani, molti dei quali non aderiscono alla visione politica estremista dei talebani, ma sono solidali con la loro invocazione dei principi islamici contro gli occupanti stranieri. Il sondaggio della Asia Foundation del 2012 , il sondaggio più rispettato sul popolo afghano, ha rilevato che di quegli afgani che simpatizzavano fortemente con i talebani, il 77 percento ha affermato di averlo fatto perché i talebani erano afghani, musulmani e impegnati nella jihad.

Nel tempo, consapevoli della posizione vulnerabile del governo, i leader afghani si sono rivolti a una fonte esterna per galvanizzare la popolazione: il Pakistan. Razziq, il presidente Hamid Karzai e in seguito il presidente Ashraf Ghani hanno usato il Pakistan come una minaccia esterna per unire gli afgani dietro di loro. Si sono rifiutati di definire i talebani tutt’altro che una creazione di Islamabad. Razziq ha affermato incessantemente di combattere un’invasione pachistana straniera. Eppure il Pakistan non potrebbe mai superare completamente l’occupazione. Un racconto popolare raccontatomi nel 2018 da un funzionario del governo afghano illumina la realtà:

Un ufficiale dell’esercito afghano e un comandante talebano si insultavano a vicenda via radio mentre sparavano avanti e indietro. Il comandante talebano ha schernito: “Siete burattini d’America!” L’ufficiale dell’esercito ha gridato di rimando: “Siete i burattini del Pakistan!” Il comandante talebano ha risposto: “Gli americani sono infedeli. I pakistani sono musulmani». L’ufficiale afghano non ha avuto risposta.

O nella forma più breve del proverbio afgano: “Per un infedele, sii felice con un musulmano debole”.

La letteratura fino ad oggi ha rispettosamente trascurato questa spiegazione, in un paese in cui le persone hanno cercato con entusiasmo di convertirmi all’Islam, dove la religione definisce la vita quotidiana e dove gli insulti all’Islam istigano alle rivolte. Il più grande sconvolgimento popolare a cui ho assistito in prima persona in Afghanistan non è stato per il maltrattamento del popolo da parte del governo o per la perfidia pakistana. Erano centinaia di abitanti del villaggio arrabbiati che marciavano per miglia verso i polverosi bazar di Garmser, protestando contro una voce secondo cui un americano aveva danneggiato un Corano.

Non sarebbe corretto dire che i comandanti statunitensi sul campo erano ignari dei problemi morali dell’esercito e della polizia afghani. Alcuni comandanti come il tenente generale Karl Eikenberry si resero conto che l’esercito afghano aveva un disperato bisogno di un senso di nazionalismo che non avrebbe mai potuto essere imbevuto da forze straniere. Ma che l’occupazione statunitense potesse scontrarsi con l’identità afghana e dare ai talebani un vantaggio significativo è stata raramente presa in considerazione. La maggior parte dei generali e dei funzionari ha invece cercato soluzioni come la formazione, il miglioramento della leadership, la gestione delle lamentele e la lotta alla corruzione.

In tutta onestà, è possibile che miglioramenti significativi in ​​queste aree possano aver fatto la differenza. In teoria, se le rimostranze fossero state affrontate, o se la corruzione fosse stata sventata, o se la leadership del governo si fosse presa più cura delle proprie truppe, avrebbe potuto contrastare alcuni dei problemi di morale generati combattendo a fianco di un occupante esterno. In pratica, tuttavia, nessuno di questi problemi era di per sé facile da superare. E sarebbe stato ancora più difficile superare la capacità dei talebani di combattere, sopravvivere e credere più delle forze governative, il problema più intrattabile di tutti.

La situazione cambierà con la partenza degli Stati Uniti? La credibilità della guerra dei talebani contro il governo si indebolirà quando ce ne saremo andati, permettendo al governo di Ghani di arginare la marea della loro avanzata? Forse, ma sono scettico. Vent’anni di sostegno straniero hanno messo sottosopra il governo di Kabul. È fin troppo facile per i talebani dipingerlo come un burattino. Nell’estate del 2014 stavo cenando, a gambe incrociate in un giardino, con due vecchi amici – uno un capo tribù, l’altro un funzionario della sicurezza – a Lashkar Gah, una città che oggi è circondata dalle forze talebane. Stavamo parlando dell’imminente partenza delle truppe statunitensi, che era allora il piano, e ho menzionato i pericoli di afgani che appaiono troppo spesso accanto agli americani. Si sono rimboccati le maniche, hanno indicato le braccia e hanno detto: “La vernice è già su di noi.

Ora, con i distretti che invadono i talebani nel nord, probabilmente spingeranno il loro attacco, ulteriormente incoraggiati dalla partenza degli Stati Uniti nelle prossime settimane. I soldati e la polizia afghani soffriranno degli stessi problemi di morale che li hanno afflitti per due decenni. È probabile che i capoluoghi di provincia e Kandahar o Mazar-e-Sharif cadano, forse entro un anno. Dopodiché, la stessa Kabul sarà in pericolo. La capitale può reggere, almeno per un po’, ma il governo ei suoi alleati lotteranno per sopravvivere, con poche possibilità di riconquistare ciò che è stato perso.

La spiegazione di come la religione, la resistenza all’occupazione e l’identità afghana siano intrecciate a vantaggio dei talebani ea svantaggio del governo ci aiuta a dare un senso ai vent’anni di guerra dell’America. Questa non è l’unica spiegazione per l’esito della guerra in Afghanistan. Ma è necessario. Il suo impatto è clamoroso: qualsiasi governo afghano, per quanto buono e democratico, potrebbe essere messo in pericolo purché fosse allineato con gli Stati Uniti. I talebani sono stati costantemente ispirati a combattere più duramente e ad andare oltre l’esercito e la polizia afghani. A loro volta, gli Stati Uniti dovevano restare sempre più a lungo: guerra civile in perpetuo movimento. Se un leader degli Stati Uniti voleva lasciare l’Afghanistan, doveva affrontare la prospettiva che il governo afghano potesse fallire, un futuro umiliante.

Cosa avrebbero dovuto fare gli Stati Uniti? Dal punto di vista di oggi, si è tentati di dire che avremmo dovuto andarcene anni fa. Non credo che questa risposta spieghi i dilemmi che devono affrontare gli Stati Uniti o, in effetti, la fallibilità umana. L’idea che avremmo dovuto semplicemente tirare la posta presuppone che avremmo potuto riconoscere l’impossibilità di vincere in Afghanistan molto prima di quanto abbiamo fatto. Inoltre, respinge irrealisticamente la minaccia terroristica che è persistita fino alla sconfitta dello Stato Islamico nel 2016 e 2017 e i rischi politici interni di ignorare tale minaccia.

Una visione più realistica potrebbe essere che la guerra afghana avrebbe sempre avuto la possibilità di andare alla deriva verso qualcosa da sopportare a lungo termine, un capitolo infelice della storia americana con poche opportunità di cambiare rotta. L’America non poteva vincere facilmente e l’America non poteva uscirne facilmente. Il fatto che siamo rimasti così a lungo può essere tragico, ma non sorprende.

Quello che avremmo potuto fare è gestire meglio la nostra strategia. Per troppo tempo ci siamo posti aspettative troppo alte, viste le difficoltà di comprensione dell’Afghanistan e gli ostacoli che stavamo affrontando. Peggio ancora, abbiamo speso risorse, soprattutto nell’ondata 2009-2011, cercando di raggiungere obiettivi massicci in pochi anni. Una strategia parsimoniosa e umile che potesse essere sostenuta per decenni sarebbe stata migliore di investimenti pesanti alla ricerca di cambiamenti all’ingrosso in un breve lasso di tempo. Una tale strategia avrebbe fallito, dispiegando il minor numero di forze possibile, consapevoli che cercare di forzare un cambiamento decisivo sarebbe stato uno spreco di risorse. Obama è sostanzialmente arrivato a questa strategia entro la fine del 2015, dopo aver ridotto il livello delle truppe statunitensi da quasi 100.000 nel 2011 a circa 10.000. Penso che avremmo potuto arrivarci molto prima. Il risultato finale potrebbe essere stato lo stesso: la minaccia terroristica si sarebbe ritirata, il presidente Joe Biden avrebbe ritirato le truppe e il governo afghano sarebbe stato alle corde. Ma nel frattempo avremmo speso meno soldi e perso meno vite. Sarebbe stato un risultato migliore, anche se lontano da una vittoria travolgente.

Per gli Stati Uniti, l’Afghanistan è stata una lunga guerra ma anche un’esperienza. Sembra sbagliato definire l’intera esperienza come cattiva o malvagia. Meglio, credo, vedere il bene come il male. Non vorrei dimenticare le amicizie che gli americani hanno stretto con migliaia di afgani che stavano sinceramente cercando di migliorare il loro paese, che si tratti di un agricoltore laborioso, un tecnocrate idealista, un commando eroico, un poliziotto oberato di lavoro o una giovane donna pionieristica. E certamente non vorrei dimenticare la gentilezza che i militari e le donne statunitensi hanno portato a molte vite afgane e la loro dedizione nel proteggere gli americani a casa. Per me, l’esperienza americana in Afghanistan è un fronte oscuro e nuvoloso con punti di luce solare. L’ultima cosa che voglio fare è condannarlo e tutti coloro che sono coinvolti.

 

https://www.politico.com/

Comments are closed.