Siena, violenza sessuale di gruppo: tre arresti

Pezzo capriccioso, Op. 62 -Mstislav Rostropovich
10 Giugno 2021

Siena, violenza sessuale di gruppo: tre arresti

Tra i fermati un calciatore delle giovanili di una squadra di A. La vittima li conosceva

Simone Innocenti

 

Siena. Violenza sessuale di gruppo: con questa accusa la polizia ha arrestato tre giovani e ne ha perquisito un quarto, che è minorenne. Tra gli arrestati anche un calciatore del settore giovanile di una squadra di serie A.

La vittima è una ragazza di 21 anni che vive in provincia di Siena. La violenza sessuale, secondo quanto ricostruito dalla Procura senese diretta da Salvatore Vitello, è avvenuta all’incirca una settimana fa: i ragazzi si sarebbero trovati all’interno di un’abitazione assieme alla vittima. Poi, nelle quattro mura, si sarebbe consumata la violenza sessuale di gruppo. La vittima è poi riuscita a tornare a casa e ha deciso di fare denuncia alla polizia. Gli inquirenti hanno nuovamente ascoltato la vittima , incrociato i referti medici e fatto tutti gli altri accertamenti del caso. Nei guai sono finiti quattro ragazzi: il più giovane ha 17 anni, il più vecchio ne ha 21. I maggiorenni sono finiti agli arresti domiciliari mentre lo studente di 17 anni, finito sotto inchiesta da parte della Procura dei Minori diretta da Antonio Sangermano, è indagato a piede libero. Per la protezione della giovane è stato attivato il protocollo «Codice Rosso» che viene usato nei casi di vittime di violenza. Le indagini continuano. La polizia scientifica, che sta analizzando i vestiti indossati dalla vittima e quelli sequestrati durante le perquisizioni ai quattro indagati, dovrà stabilire le eventuali tracce di Dna. Nel frattempo gli inquirenti stanno concentrando la loro attenzione anche sui cellulari e gli Ipad sequestrati durante le indagini: gli investigatori, infatti, vogliono capire se vi siano filmati della presunta violenza sessuale o ci siano messaggi dove si parla di quanto sarebbe accaduto.

 

https://corrierefiorentino.corriere.it

 

Lascia un commento