Un’epidemia ombra di abbandono scolastico rischia di aggravare il divario nord-sud dell’Italia

Uganda: arresti, omicidi, sparizioni prima, durante e dopo le elezioni
10 Giugno 2021
Il messaggio di Biden mentre atterra in Europa: l’America è tornata
10 Giugno 2021

Un’epidemia ombra di abbandono scolastico rischia di aggravare il divario nord-sud dell’Italia

CATANIA, Italia — In un giorno di scuola di fine maggio, l’aula di Maria Leotta nella seconda città più grande della Sicilia era quasi vuota: solo sette dei suoi 19 alunni di seconda elementare si sono presentati alla lezione di italiano .

La fine del semestre è vicina, ma non è per questo che erano presenti così pochi bambini. “È stato così tutto l’anno, gli studenti venivano a intermittenza”, ha detto Leotta. “Ed era anche peggio quando le lezioni erano online… solo un terzo di loro si connetteva per frequentare le mie lezioni”.

Anche prima della pandemia, l’Italia era in ritardo rispetto a molti dei suoi coetanei nelle classifiche educative soffriva di uno dei più alti tassi di abbandono scolastico nell’Unione europea. Ma la crisi del coronavirus, che ha visto le scuole chiuse per gran parte dell’ultimo anno, ha fatto impennare il numero degli abbandoni, affermano gli insegnanti. A gennaio, un  rapporto  di Save the Children Italia ha rilevato che il 28% degli adolescenti di età compresa tra 14 e 18 anni ha affermato che almeno un compagno di classe era completamente scomparso dalle lezioni online.

Solo una manciata di paesi europei ha tenuto le scuole chiuse più a lungo dell’Italia. Quando la pandemia ha colpito nel marzo 2020, il governo ha sospeso l’insegnamento di persona per tutte le età per un periodo di 35 settimane; in autunno, quando è arrivata la seconda ondata, le scuole hanno accolto gli alunni in modo intermittente, con le scuole elementari aperte più spesso delle scuole medie e superiori.

Il governo ha sostenuto che tenere le scuole chiuse è fondamentale per arginare la diffusione del coronavirus, indicando il rischio che il virus circoli in spazi chiusi come aule e trasporti pubblici. Insegnanti ed esperti, tuttavia, avvertono che questa strategia potrebbe aver causato danni irreparabili al futuro dei bambini, in particolare nelle periferie meridionali meno sviluppate del paese .

Il divario tra il nord più ricco e il sud più povero d’Italia si riflette nei rispettivi livelli di povertà infantile delle regioni. Un rapporto del 2018 di Save the Children ha rilevato che un bambino italiano su cinque vive in condizioni di povertà relativa. Ma mentre nelle regioni settentrionali come Emilia-Romagna e Friuli-Venezia-Giulia il numero di bambini a rischio di povertà ed esclusione sociale è più vicino al 13 per cento, in regioni come Sicilia e Calabria è rispettivamente del 56 e del 49 per cento.

Qualsiasi aumento dei tassi di abbandono rischia di consolidare queste disuguaglianze. E alcuni esperti e insegnanti temono che questo nuovo gruppo di giovani lasciati alle spalle possa diventare facile preda del reclutamento di mafie e bande.

‘Vero pericolo’

Al sud è stato risparmiato il peggio della pandemia, che, nei suoi momenti peggiori, ha visto i furgoni militari in fila per trasportare le bare dalle città del nord. Ma la ricaduta economica è stata più profonda qui, dove i tassi di povertà erano alti e le infrastrutture erano carenti anche prima della pandemia.

“Si è semplicemente messo in evidenza una serie di problemi strutturali preesistenti, in particolare nel settore dell’istruzione”, ha affermato Mila Spicola, consulente del Ministero del Sud e ricercatrice di politiche dell’istruzione presso il Dipartimento della coesione sociale.

Non sono ancora disponibili statistiche ufficiali – saranno pubblicate nel gennaio 2022 – ma Spicola ha affermato che il passaggio alle lezioni online ha lasciato indietro gruppi di popolazione già vulnerabili, in particolare nel sud.

I tassi di abbandono scolastico più elevati sono indissolubilmente legati alla situazione economica di una regione, ha aggiunto: i genitori che hanno perso il lavoro a causa della pandemia è stato probabilmente un fattore, con gli adolescenti che hanno lasciato la scuola per contribuire al reddito familiare.

“Il vero impatto può essere percepito attraverso la vista dalle periferie [più povere] dove molti bambini durante la scuola online sono semplicemente scomparsi, nonostante siano rimasti iscritti”, ha detto Spicola. “La mancata frequenza ha creato … gap educativi che formeranno cittadini semianalfabeti destinati a lavori a basso salario e mercato nero”.

Altri hanno avvertito che l’interruzione bloccherà il progresso educativo in aree come la Sicilia, dove entro 30 anni i livelli di analfabetismo sono scesi dal 70% in alcune aree al 18% di oggi.

Leotta, ad esempio, ha affermato che i suoi alunni – che hanno trascorso l’intero secondo trimestre della prima elementare online – sono passati alla seconda elementare ma la maggior parte ancora non sa leggere correttamente.

La sua scuola si trova vicino al quartiere San Giovanni Galermo di Catania, una zona che già soffre per la scarsa frequenza scolastica e gli alti tassi di criminalità, che lasciano molti adolescenti locali a lavorare al mercato nero o a spacciare.

“Il rischio è quello di perdere intere generazioni a causa di gruppi criminali in un momento così critico per una ripresa post-pandemia del nostro Paese, se non si interviene immediatamente”, ha detto Leotta.

Su 80.000 ragazzi tra i 10 ei 16 anni che non vanno a scuola in Sicilia, 18mila vivono a Catania, secondo il giudice Roberto Di Bella del Tribunale per i minorenni di Catania. Ha avvertito che le istituzioni devono essere più vigili sui tassi di abbandono scolastico prima del nuovo anno accademico poiché i gruppi criminali li prenderebbero di mira come nuove reclute.

“Il rischio è molto reale. È un pericolo reale, da non sottovalutare”, ha affermato Federico Varese, criminologo dell’Università di Oxford specializzato in criminalità organizzata italiana. “Quando lo Stato non riesce a proteggere i suoi cittadini durante una crisi come quella del Covid-19, il pericolo è che la mafia possa sembrare una soluzione migliore, anche agli occhi dei più giovani”.

Combattere la povertà educativa

In Campania, regione rimasta tra le zone a più alto rischio di contagio per gran parte di questo anno accademico, le scuole hanno chiuso più a lungo rispetto al resto del Paese. Gli alunni dalla terza all’ottava classe hanno frequentato la scuola solo 42 giorni tra settembre 2020 e marzo 2021.

Prima della pandemia, uno studio del 2019 di Openpolis ha rilevato che nel capoluogo regionale, Napoli, i tassi di abbandono scolastico raggiungevano il 19%. Con le vacanze estive che iniziano il 9 giugno, molti insegnanti temono che alcuni alunni non tornino a settembre.

Nei quartieri più difficili di Napoli, le organizzazioni non profit hanno provato a intervenire. A San Giovanni a Teduccio, l’associazione Figli in Famiglia, che opera con le famiglie disagiate della zona, ha trasformato la propria sede in un’aula scolastica da marzo in poi. Venti studenti venivano ogni mattina per seguire e ricevere aiuto con le lezioni online nell’ufficio dell’associazione.

“Hanno ricevuto dei laptop e sono stati assistiti nel lavoro dei nostri educatori. Le scuole ci segnalavano i nomi degli studenti che non si sono collegati online e noi contattavamo le loro famiglie per sostenerli”, ha affermato Carmela Manco, presidente e fondatrice dell’associazione.

Ma progetti come quello di Manco non possono funzionare su larga scala. In primavera, poco dopo la nomina di Mario Draghi a primo ministro, il governo sembrò cogliere la gravità della situazione e iniziò a buttare soldi sul problema.

A marzo il governo ha approvato un piano da 35 milioni di euro per investire nell’istruzione nel sud, somma che si aggiunge a un fondo di 85 milioni di euro per le scuole che necessitano di attrezzature per l’apprendimento a distanza e a un budget di 8 milioni di euro per l’innovazione educativa in 2020.

“Il sud è stato colto impreparato dalla crisi sociale creata dalla pandemia, e il settore scolastico in particolare, proveniente da un famigerato passato di tagli di bilancio, era già paralizzato”, ha riconosciuto Roberta Alaimo, deputata al parlamento italiano con l’anti-establishment Movimento 5 Stelle.

Il Ministero dell’Istruzione ha inoltre recentemente stanziato 40 milioni di euro per un “piano estivo” volto a combattere la povertà educativa nelle aree svantaggiate.

“Abbiamo anche pensato di creare iniziative per combattere la povertà educativa proprio nelle regioni meridionali attraverso il potenziamento dei servizi socio-educativi per i minori, con l’obiettivo di coinvolgere fino a 50.000 ragazzi provenienti da aree ad alto rischio”, ha affermato Barbara Floridia, sottosegretario all’Istruzione ministero.

Ad aprile, il governo ha permesso agli alunni di tutte le classi di tornare nelle loro classi per almeno la metà delle lezioni, affermando che terminare l’anno accademico di persona era una priorità.

Ma Leotta teme che l’anno delle chiusure scolastiche avrà ripercussioni durature. “Un sacco di danni sono già stati fatti, purtroppo”, ha detto mentre annotava i numerosi assenti nel suo registro di classe.

Sia gli insegnanti che gli alunni hanno perso la motivazione, ha aggiunto, e anche i bambini che si presentano sono meno impegnati a scuola. “Le lezioni online hanno anche contribuito alla perdita di interesse dei bambini per il processo di apprendimento. Temo che molti nel prossimo settembre si presenteranno solo per motivi di presenza per evitare i servizi sociali”.

https://www.politico.eu/

 

 

Comments are closed.