Cesare Brandi e la Regia Pinacoteca di Siena di Bernardina Sani.

Ma perchè hanno cambiato la Costituzione italiana?
14 Luglio 2017
Liu Xiaobo cremated in ‘private ceremony’, amid fears for wife’s safety.
15 Luglio 2017

Cesare Brandi e la Regia Pinacoteca di Siena di Bernardina Sani.

l libro ricostruisce il trasferimento della Galleria dell’Istitutodi Belle Arti e la sua trasformazione in Regia Pinacoteca di Siena,inaugurata il 28 ottobre 1932 nell’ambito delle celebrazionidel decennale della Marcia su Roma. La fama delle opere esposte, gli studi confluiti nel catalogo a stampa, la risposta ai nuovi criteri museografici adottati dai musei italiani negli anni Trenta attraggono l’attenzione della cultura internazionale. I documenti dell’archivio di Cesare Brandi – al quale, giovanissimo, viene affidato l’allestimento e il catalogo del nuovo museo –permettono di ricostruire gli aspetti museografici e storico-artisticidella vicenda e gettano nuova luce sui contatti con l’archeologo Ranuccio Bianchi Bandinelli, con gli scrittori di “Solaria”e gli storici dell’arte dell’Istituto Germanico di Firenze. La lettura di Proust influisce non solo sullo stile del giovane critico, ma anche sull’analisi delle opere d’arte. L’amicizia con il grande esperto di storia dell’arte senese Curt H. Weigelt gli apre la stradaverso la teoria dell’arte di Panofsky, di Antal, dei Friedländer.

Comments are closed.