Federico Minghi ha poca memoria

Tirelli e la delibera del 2003 sull’uso del Palazzo Comunale
21 Luglio 2019
L’ennesimo annuncio, Antonio D’Urso: “La scelta di sostituire a Siena…l’ambulanza infermierizzata con una medicalizzata (è) ancora tutta da definire”
21 Luglio 2019

Federico Minghi ha poca memoria

Pasquale Di Lena

Sen. Riccardo Margheriti, Carlo Antonini, Enrico Lupi

 

Sappiamo che il capogruppo di Voltiamo Pagina è un noto imprenditore per di più esperto di champagne per questo, forse, non ha presente la storia dell’Enoteca. Basta solo ricordare a lui e al suo gruppo che durante la giunta Piccini l’Enoteca andava benissimo. Per la “rinascita” dell’Enoteca vedremo al momento del bando quali sono le offerte e cosa offriranno i diversi privati perché saranno più di uno e cosa proporranno.  Il Comune di Siena, comunque, resta impegnato almeno per essere proprietario dei locali da ristrutturare e per l’obbligo morale di dare una risposta alle persone che hanno prestato la loro opera lavorativa nell’Enoteca.

 

 

Per Siena: “Sull’Enoteca Italiana c’è il solito fumo di una maggioranza che attua un politica degli annunci destinata, prima o poi, a ritorcersi contro chi la pratica. Stiamo parlando dell’unico Ente di promozione vitivinicola istituito dallo Stato ma evidentemente, chi oggi annuncia soluzioni, non si rende conto del valore del concetto e dei simboli che questo nome evoca. La “rinascita” è una cosa seria, come seria era l’Enoteca Italiana prima che la lobby dei faccendieri che tuttora tengono sotto scacco la città la facesse andare a gambe all’aria. L’Ente Vini – Enoteca Italiana era un’eccellenza senese di livello nazionale che, grazie a chi ci ha speso la propria vita lavorativa e la propria esperienza pluridecennale, era conosciuta in tutto il mondo. Non si trattava solo di “vendere” un buon prodotto, perché a fare questo sono capaci in molti: si trattava bensì di strategia, di interazione con le istituzioni, di astuzia commerciale, di capacità di leggere e interpretare l’evoluzione del mercato enogastronomico internazionale, il tutto unito alla tutela e alla valorizzazione del territorio. Tutto ciò, in questa fantomatica rinascita, dov’è? Come si può dare una seconda vita (perché questo vuol dire far rinascere) a una grande e storica avventura quale è stata Enoteca Italiana se sullo sfondo così come nei ruoli di primo piano ci sono sempre i protagonisti della sua fine? Ormai siamo abituati a vedere dipinti sui muri di certa stampa il cambiamento che di nuovo ha solo il nome: che a Siena siamo rimasti fermi al “magico mondo” di dieci anni fa è chiaro a tanti. Ma quando si maneggiano elementi così importanti e evocativi del passato glorioso di una città bisognerebbe avere una sana e umile prudenza, una prudenza che si chiama rispetto per la dignità di chi ascolta o legge e per coloro che avevano una professionalità riconosciuta e, come premio, sono stati buttati in mezzo alla strada”.

Comments are closed.