La Bce vuole dal Tesoro 700 milioni di fondi per Mps. Il cda studia la causa agli ex

Asciano, il mio paradiso in terra
24 Luglio 2020
Scuola, l’appello dei sindacati “Un piano contro le lezioni a distanza”
24 Luglio 2020

La Bce vuole dal Tesoro 700 milioni di fondi per Mps. Il cda studia la causa agli ex

di Andrea Greco
MILANO — Monte dei Paschi è quella banca in cui i nodi arrivano due alla volta. Il primo è la decisione del cda di valutare, il 30 luglio, l’azione di responsabilità contro i passati vertici, da anni richiesta da alcuni soci e trascurata dal Tesoro, che dal 2017 ha il 68% delle quote. Il secondo riguarda la necessità di ulteriore capitale regolamentare: risulta da fonti finanziarie che la Bce abbia chiesto un rafforzamento patrimoniale di 700 milioni, per poter autorizzare lo scorporo di 8 miliardi nominali di crediti deteriorati al gestore pubblico Amco. Operazione in rampa da mesi, e necessaria per allineare la qualità del credito Mps al resto del settore e rendere di la banca, in teoria, “vendibile”, come da impegni di Roma con Bruxelles entro il 2021. Una nota Mps, il 29 giugno, già ammoniva che a fronte della cessione in corso il patrimonio primario “Cet1” sarebbe sceso dal 12,7% all’11,1% degli attivi di rischio ponderati: e senza contare i dati del primo semestre 2020, poco allegri. Il Tesoro, che tre anni fa dovette iniettare 7 miliardi (in gran parte bruciati in Borsa) per salvare la banca, si prepara dunque a un altro obolo di denaro pubblico: sempre il 30 luglio dovrebbe impegnarsi a versare i 700 milioni.
Questione ancor più annosa, l’azione di responsabilità contro i passati vertici del Monte (l’ex presidente Alessandro Profumo, oggi ad di Leonardo, e l’ex ad Fabrizio Viola), imputati a Milano con accuse di falso in bilancio e aggiotaggio (il pm a giugno ha chiesto di archiviare). Finora, ai caparbi rilievi di alcuni soci (specie Giuseppe Bivona, pure consulente per investitori esteri a Siena via Bluebell), ha fatto muro del Tesoro, che da azionista ha votato contro le richiesta di azione per danni in varie assemblee Mps (anche a maggio). Ma la vicina prescrizione di Alessandro Profumo – il 5 agosto cadono i cinque anni dal suo addio a Mps, ed è il termine massimo delle azioni civili – e il favore che l’idea trova nei M5s, sono fattori che hanno indotto almeno a esaminare il caso in cda.
Negli ultimi giorni aspri confronti sono intercorsi tra i palazzi del governo, gli esperti legali e i vertici Mps nominati a metà maggio. Un passaggio in cui proprio i Cinque Stelle hanno indicato, per la prima volta, la guida operativa della banca, scegliendo Guido Bastianini. Risulta che l’ex manager Carige vedrebbe con favore l’azione di responsabilità, e con lui un pugno di altri consiglieri espressi dai M5S. Sull’altro fronte c’è la presidente Patrizia Grieco e gli altri consiglieri scelti dal Pd, che ha nel Tesoro una delle roccaforti; in mezzo i tre consiglieri delle minoranze di mercato. L’esito dei 15 votanti si annuncia incerto. Anche perché, se da una parte c’è la
moral
suasion del primo azionista a difendere un gruppo di amministratori che già in passato hanno lavorato con e per i governi in carica sul dossier, dall’altra c’è il rischio che i nuovi amministratori siano chiamati a rispondere per inadempienze se in futuro, in caso di condanna definitiva per Profumo e Viola, la richiesta danni fosse prescritta (per Viola la data è settembre 2021). Né, cosa più sostanziale, se fosse impossibile impugnare o annullare i contratti in derivati accesi dalla gestione Mussari & Vigni con Nomura e Deutsche Bank per nascondere vecchie perdite, e che Profumo e Viola seguitarono a contabilizzare come Btp, e chiusero anzitempo pagando 900 milioni.

Lascia un commento