L’interrogazione sulla mancata nomina dell’Assessore alla Cultura del Comune di Siena: Cerretani Vs De Mossi

Il decoro del centro storico
15 Maggio 2019
Rendiconti di gestione 2015, 2016 e 2017 – Composizione del risultato di amministrazione. Intervento di Pierluigi Piccini.
15 Maggio 2019

L’interrogazione sulla mancata nomina dell’Assessore alla Cultura del Comune di Siena: Cerretani Vs De Mossi

Commento: indirettamente la risposta da ragione a Cerretani. De Mossi respinge (stizzito) l’accusa di incompetenza ma poi elenca solo il proseguo dei lavori dell’amministrazione precedente (che certo non ha brillato) aggiungendo solo i contatti con Roma per la fantomatica accademia.

 

Interrogazione del consigliere Claudio Cerretani in merito alla mancata nomina dell’assessore alla cultura del Comune di Siena INR66_20190311090633

 

La risposta del Sindaco DE MOSSI: Vede Consigliere, c’è un problema, che non è esatto quello che lei scrive. Non ha nominato l’Assessore alla Cultura, non ha assegnato ad altro assessore la delega relativa ritenendo tale nomina superflua o comunque non necessaria per il suo programma elettorale, certo che, non faceva della cultura una priorità.
Io non so se la scritta lei questa interrogazione o se gliel’hanno scritta. Francamente, o non ha fatto campagna elettorale, o non vi ha partecipato, o non ha visto qual era il nostro programma elettorale e forse non sa che la delega alla Cultura la detiene il Sindaco in questo momento.
Forse dimentica che abbiamo dato duecento mila euro al “Siena Jazz” per fare il biennio specialistico. Forse dimentica che abbiamo inaugurato una decina di giorni fa il centro congressi al Santa Maria della Scala pur in assenza del direttore.
Abbiamo fatto il bando per il direttore e per questo prenderemo le nostre decisioni in uno con il problema della Fondazione.
Siamo stati diverse volte a Roma per valutare insieme al Ministro competente se sia il caso di aprire una sede dell’Accademia di Belle Arti a Siena.
Abbiamo rispettato tutti i programmi per quanto riguarda le mostre che erano già in itinere, conferendo i contributi che erano necessari.
Abbiamo ampliato il programma dei Magazzini del Sale. C’è un programma fino a tutto il dicembre di questo anno che è già pubblicato, quindi ci sono mostre fino alla fine dell’anno in maniera programmata. Avete visto che gli diamo un ampio spazio anche in termini di pubblicità e stiamo lavorando sull’antincendio per quanto riguarda il Santa Maria della Scala. Abbiamo fatto una ricognizione con tutte le persone relative alla Sanità della maggioranza per valutare degli spazi legati alla riconversione di alcune aree che sono a destra guardando la facciata del Santa Maria della Scala, per quanto riguarda la struttura che va riconvertita.
Stiamo lavorando, come ho detto, insieme all’architetto Biagini all’antincendio per poter aumentare il numero di presenze all’interno del Santa Maria della Scala.
Abbiamo in programma una serie di eventi (il titolo per esempio sulla mostra di Araki, che non era una mostra mia, ma che ho proseguito ed è piaciuto anche al maestro medesimo), quindi direi che l’attività che viene svolta da parte del Sindaco, lei fa sempre il riferimento al part-time, ma forse anche le sue espressioni sono un po’ part-time con la lingua italiana, mi consenta.
Dire che è necessario nominare uno specifico competente Assessore vuol dire offendere chi ha la delega in questo momento dandogli dell’incompetente, che è il sottoscritto, se lo vuole dire lo dica liberamente, lei o chi gli scrive le interrogazioni, però, mi pare che francamente non tenga conto di quelle che sono le attività che stiamo svolgendo.
Domandi a Siena Jazz, se gli abbiamo conferito duecento mila euro, domandi alla professoressa d’Achille di Roma quante volte siamo stati al Ministero per quanto riguarda l’Accademia di Belle Arti e per quanto riguarda la fondazione Monte dei Paschi con cui abbiamo parlato per il problema del Palazzo del Capitano. Vada a vedere il centro congressi che non ha avuto nessuna inceppamento legato ai lavori fatti. Siamo andati avanti tranquillamente e abbiamo finito il lavoro nei tempi che avevamo previsto.
Mi pare francamente che le sue osservazioni sulla mancanza dell’Assessore alla Cultura siano del tutto illegittime, non solo, ma evidentemente non tiene conto di quello che è stato il programma elettorale e quello stiamo facendo sulla Cultura da parte di questa Amministrazione, grazie.

 

 

Comments are closed.