No alla Babele urbanistica. Così non ne usciremo migliori
23 Novembre 2021
Covid-19 : Paris franchit le seuil d’« alerte maximale »
24 Novembre 2021

Il tuo briefing del mercoledì

Il bilancio economico dell’Europa.

Una quarta ondata di infezioni da virus minaccia di minare la fragile ripresa economica dell’Europa mentre i governi reimpongono restrizioni sanitarie sempre più stringenti che potrebbero ridurre il traffico pedonale nei centri commerciali, scoraggiare i viaggi e la folla sottile in ristoranti, bar e stazioni sciistiche.

“Ci aspettiamo una stagione invernale accidentata”, ha affermato Stefan Kooths, direttore della ricerca del Kiel Institute for the World Economy in Germania. “La pandemia ora sembra influenzare l’economia in modo più negativo di quanto pensassimo inizialmente”.

I duri blocchi che hanno attraversato l’Europa durante i primi mesi della pandemia lo scorso anno hanno finito per ridurre la produzione economica di quasi il 15%. I vaccini e il calo dei tassi di infezione hanno aiutato i paesi a recuperare alcune di queste perdite, ma una copertura vaccinale irregolare in tutto il continente potrebbe mettere a rischio tali guadagni.

Caso di studio: prima che venisse ordinata la chiusura, i negozi in Austria stavano già subendo una perdita del 25% di entrate a novembre rispetto allo stesso periodo del 2019, ha affermato l’associazione del commercio al dettaglio del paese.

Ecco gli ultimi aggiornamenti e le mappe della pandemia .

In altre notizie:

Una spinta globale per attirare stranieri con competenze , in particolare quelli che cadono tra il lavoro fisico e un dottorato di ricerca in fisica, è in corso mentre la pandemia sta entrando nel suo terzo anno. Molte nazioni ricche sperano di attirare quei giovani lavoratori con visti accelerati e promesse di residenza permanente.

Gli sconvolgimenti di Covid hanno messo in luce squilibri demografici: le nazioni ricche che invecchiano rapidamente producono troppo pochi nuovi lavoratori, mentre i paesi con un surplus di giovani spesso non hanno abbastanza lavoro per tutti. Nuovi approcci a tale discrepanza potrebbero influenzare il dibattito mondiale sull’immigrazione, soprattutto perché i governi europei differiscono su come gestire le nuove ondate di richiedenti asilo.

“Stiamo sentendo la stessa cosa da ogni parte”, ha affermato Jean-Christophe Dumont, capo della ricerca sulla migrazione internazionale per l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. “Se vuoi attirare nuovi lavoratori, devi offrire loro condizioni interessanti”.

Contesto: la pandemia ha portato a diversi importanti cambiamenti nella mobilità globale. Ha rallentato la migrazione di manodopera. Ha creato più concorrenza per i “nomadi digitali” poiché più di 30 nazioni hanno creato programmi per attirare i lavoratori della tecnologia mobile. E ha portato a un generale allentamento delle norme sul lavoro per gli stranieri già presenti nel Paese.

Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Cina, l’India, il Giappone e la Corea rilasceranno decine di milioni di barili di greggio dalle loro scorte per combattere l’impennata dei prezzi globali .

I commercianti di petrolio sono apparsi delusi dalla mossa. Gli Stati Uniti attingeranno a 50 milioni di barili dalla sua fornitura di emergenza di 620 milioni di barili, al di sotto delle aspettative dei commercianti di circa 100 barili. I prezzi del petrolio sono aumentati dopo l’annuncio, anche se i funzionari dell’amministrazione hanno affermato che i prezzi potrebbero scendere nelle prossime settimane.

L’annuncio arriva dopo che l’OPEC ha respinto la richiesta del presidente Biden di aumentare la produzione. Le nazioni dell’OPEC Plus potrebbero riconsiderare la loro riunione la prossima settimana dopo un comunicato così coordinato.

Contesto: le nazioni produttrici di petrolio hanno ridotto la produzione poiché la domanda è diminuita all’inizio della pandemia. Negli Stati Uniti, il conteggio delle piattaforme petrolifere è diminuito di quasi il 70% nell’estate del 2020.

https://www.nytimes.com/

 

Lascia un commento