Dorian Gray, Renzi e il Pd