È l’eclissi del macronismo ma non è la rivoluzione