I “Democratici progressisti”, toh! Il Pd rinuncia al suo nome