L’incoronazione: tra sacro, profano e ‘ndrangheta